02 Febbraio 2015 | 18:27

Sanremo 2015, l’intervista a Nesli

Nesli si racconta a Sorrisi prima dell'inizio del Festival

Sanremo 2015, l’intervista a Nesli

Nesli si racconta a Sorrisi prima dell'inizio del Festival

02 Febbraio 2015 | 18:27

Se non lo conoscete, forse avrete sentito il brano «La fine» cantata da Tiziano Ferro nel 2011. Ecco, quella era una cover di un brano di Nesli, nome d'arte di Francesco Tarducci. Se il cognome vi suggerisce qualcosa di familiare: sì, è il fratello di Fabri Fibra. La carriera del cantautore è già avviata e ricca di successi. «Sarò al Festival non tanto come artista in gara, ma come fan» spiega. «In questi ultimi anni guardavo il Festival da sognatore, con il desiderio di viverlo e di salire su quel palco. Quando scrivo una canzone parlo di me, ma cerco di interpretare anche i sentimenti di chi mi ascolta. E non c’è cornice migliore di questa per portare la mia musica». Molti dei suoi fan da tempo si tatuano sulla pelle i testi delle sue canzoni, come fanno quelli di Vasco o Ligabue. «Io non avevo nemmeno un tatuaggio almeno fino a maggio, il momento in cui ho deciso di iniziare un percorso di “trasformazione” con i primi dipinti sulla mia pelle. È un progetto ambizioso, ancora in fase d’opera».

Sanremo 2015: tutte le video interviste ai cantanti in gara al Festival