01 Luglio 2011 | 13:37

Al via il 98° Tour de France, ecco come seguirlo in tv

Più montagne e meno chilometri a cronometro. Ecco, in estrema sintesi, il menù della 98ª edizione del Tour de France, la più importante corsa a tappe del mondo, al via oggi. Quest’anno non è previsto alcun prologo, si entra subito nel vivo fin dal primo giorno, in Vandea, attraversando l’insidioso Passage du Gois, lingua di terra sull’Atlantico inondata dalle maree. Raisport trasmetterà in diretta il Tour de France tutti i giorni su Rai 3 e Raisport 2...

 di

Al via il 98° Tour de France, ecco come seguirlo in tv

Più montagne e meno chilometri a cronometro. Ecco, in estrema sintesi, il menù della 98ª edizione del Tour de France, la più importante corsa a tappe del mondo, al via oggi. Quest’anno non è previsto alcun prologo, si entra subito nel vivo fin dal primo giorno, in Vandea, attraversando l’insidioso Passage du Gois, lingua di terra sull’Atlantico inondata dalle maree. Raisport trasmetterà in diretta il Tour de France tutti i giorni su Rai 3 e Raisport 2...

01 Luglio 2011 | 13:37 di

Alberto Contador (foto Olycom)

Più montagne e meno chilometri a cronometro. Ecco, in estrema sintesi, il menù della 98ª edizione del Tour de France, la più importante corsa a tappe del mondo, al via oggi. Quest’anno non è previsto alcun prologo, si entra subito nel vivo fin dal primo giorno, in Vandea, attraversando l’insidioso Passage du Gois, lingua di terra sull’Atlantico inondata dalle maree. Un gustoso antipasto delle 21 tappe che, passando per l’Italia (la 17ª frazione si conclude a Pinerolo), conducono i corridori, dopo complessivi 3.430,5 Km, alla tradizionale passerella finale, il 24 luglio, sugli Champs Élysées di Parigi. Ai quattro arrivi in salita, equamente suddivisi tra Pirenei e Alpi, fa da contraltare il minimo storico di chilometri contro il tempo: 65,5 in totale, divisi tra una cronosquadre di 23 Km (seconda tappa) e una crono individuale di 42,5 Km (penultima frazione).

«Questo percorso favorisce gli scalatori e quindi è l’ideale per me» dice alla vigilia Ivan Basso, uomo di punta del ciclismo italiano. «Montagne mitiche come il Galibier e l’Alpe d’Huez saranno sicuramente decisive. Dopo due vittorie al Giro d’Italia (2006 e 2010; ndr) e due podi al Tour (3° nel 2004 e 2° nel 2005; ndr), la maglia gialla è quello che manca alla mia carriera». Dichiarazioni che trovano riscontro nella sua decisione di rinunciare quest’anno al Giro per puntare tutto sulla corsa d’Oltralpe. A sbarrargli la strada ci proveranno il lussemburghese Andy Schleck, secondo nelle ultime due edizioni, e soprattutto lo spagnolo Alberto Contador: il vincitore dell’ultimo Giro d’Italia vuole difendere il titolo del 2010, il terzo dopo quelli del 2007 e 2009. Promette battaglia anche Damiano Cunego, in grande spolvero dopo il secondo posto al Giro di Svizzera, distanziato di soli 4 secondi dal capoclassifica Levi Leipheimer.

Raisport trasmetterà in diretta il Tour de France tutti i giorni su Rai 3 e Raisport 2. La telecronaca è di Francesco Pancani, il commento di Davide Cassani e le interviste di Andrea De Luca. Per approfondire i temi della gara, appuntamento su Raisport 2 alle ore 22.30. Eurosport risponde con più di 80 ore di diretta. Si inizia giovedì 30 giugno alle ore 15.30 con la presentazione delle 22 squadre al via. Dirette ogni giorno alle ore 14.00 con la telecronaca di Andrea Berton e il commento tecnico di Riccardo Magrini. All’arrivo, collegamenti con gli atleti e gli addetti ai lavori per analizzare le fasi calde della corsa. Infine, tutti i giorni alle ore 23.00, replica dell’ultima ora di gara.