Home TvAldo Vitali, l’editoriale del direttore: la Protezione civile del nostro umore

20 Novembre 2012 | 08:47

Aldo Vitali, l’editoriale del direttore: la Protezione civile del nostro umore

Alla fine, è venuto fuori un numero di Sorrisi pieno di comici. Non l’abbiamo fatto apposta, o solo un po’… Penso che questo sia invece un effetto collaterale della crisi che stiamo vivendo. È evidente che in un momento difficile si faccia fatica a immaginare un lieto fine, ma proprio per questo abbiamo più che mai bisogno di comici, che sono un po’ come la Protezione civile del nostro umore. Loro ci devono aiutare a vedere il lato buffo della vita (che c’è sempre per fortuna)...

 di

Aldo Vitali, l’editoriale del direttore: la Protezione civile del nostro umore

Alla fine, è venuto fuori un numero di Sorrisi pieno di comici. Non l’abbiamo fatto apposta, o solo un po’… Penso che questo sia invece un effetto collaterale della crisi che stiamo vivendo. È evidente che in un momento difficile si faccia fatica a immaginare un lieto fine, ma proprio per questo abbiamo più che mai bisogno di comici, che sono un po’ come la Protezione civile del nostro umore. Loro ci devono aiutare a vedere il lato buffo della vita (che c’è sempre per fortuna)...

Foto: Direttore di TV Sorrisi e Canzoni

20 Novembre 2012 | 08:47 di Redazione

Alla fine, è venuto fuori un numero di Sorrisi pieno di comici. Non l’abbiamo fatto apposta, o solo un po’… Penso che questo sia invece un effetto collaterale della crisi che stiamo vivendo. È evidente che in un momento difficile si faccia fatica a immaginare un lieto fine, ma proprio per questo abbiamo più che mai bisogno di comici, che sono un po’ come la Protezione civile del nostro umore: loro ci devono aiutare a vedere il lato buffo della vita (che c’è sempre per fortuna).

Abbiamo dedicato la copertina a Luciana Littizzetto, che in attesa di mettere a soqquadro Sanremo (lei dice che farà la brava, ma chi ci crede?) pubblica un libro divertentissimo. E intanto ci mette di buonumore con la bella chiacchierata che ha fatto con Andrea Di Quarto. Poi ci sono Aldo Giovanni e Giacomo, che proprio sulla crisi e i suoi effetti collaterali (quelli comici, intendo) stanno costruendo il loro nuovo spettacolo che prima girerà nei teatri italiani e poi vedremo in tv. E anche al cinema c’è bisogno di sorrisi: così abbiamo chiesto aiuto a Fabio De Luigi, che ci racconta il suo nuovo film ambientato a Natale (un Natale disastroso, molto peggio dei nostri Natali “normali”, popolati di gaffe con parenti semisconosciuti e regali sbagliati).

av@mondadori.it
@aldovitali

Leggi gli altri editoriali