20 Agosto 2013 | 04:50

Aldo Vitali, l’editoriale del direttore: Parlare di Montalbano… senza Montalbano

Scusate, ma a me viene un po’ da ridere, perché mi tocca riparlare di Montalbano. La colpa è anche un po’ vostra (nostra, anzi, mi ci metto anch’io), perché per tutta l’estate le avventure del commissario di Vigàta sono state il programma più visto ogni settimana: e sì che si trattava delle repliche delle repliche […]

 di Aldo Vitali

Aldo Vitali, l’editoriale del direttore: Parlare di Montalbano… senza Montalbano

Scusate, ma a me viene un po’ da ridere, perché mi tocca riparlare di Montalbano. La colpa è anche un po’ vostra (nostra, anzi, mi ci metto anch’io), perché per tutta l’estate le avventure del commissario di Vigàta sono state il programma più visto ogni settimana: e sì che si trattava delle repliche delle repliche […]

20 Agosto 2013 | 04:50 di Aldo Vitali

Scusate, ma a me viene un po’ da ridere, perché mi tocca riparlare di Montalbano. La colpa è anche un po’ vostra (nostra, anzi, mi ci metto anch’io), perché per tutta l’estate le avventure del commissario di Vigàta sono state il programma più visto ogni settimana: e sì che si trattava delle repliche delle repliche delle repliche. Che dire? Che forse siamo tutti un po’ fissati. O forse, più probabilmente, questa serie ha una magia tale che vederla o rivederla non fa differenza.

Così, ci siamo arrovellati su un problema: come parlare ancora di Montalbano senza riparlare di Montalbano? La risposta l’avete vista in copertina: siamo andati sul set di una nuova fiction, intitolata «Il giudice meschino», che ha per protagonista Luca Zingaretti. Il quale questa volta ha al suo fianco la moglie, Luisa Ranieri. La Ranieri, nel bel servizio di Barbara Mosconi, racconta che lei e il marito, sposati da un anno e con una figlia di 2, si erano ripromessi, dopo essere diventati una coppia, di non lavorare più insieme. Promessa, come spesso accade, non mantenuta. E per fortuna, direi: sono due bravi attori, piacciono molto, sono belli e simpatici. Perché mai avrebbero dovuto separarsi per lavoro? Magari anche il «Giudice meschino» diventerà, col tempo, un’altra nostra ossessione televisiva…

av@mondadori.it
@aldovitali