05 Marzo 2013 | 03:22

Aldo Vitali, l’editoriale del direttore: quando la Storia vola in elicottero

L’immagine che mi è rimasta negli occhi la scorsa settimana, e che la tv ha mandato in onda decine di volte, è quella di un elicottero bianco che vola nel cielo di Roma, mentre sui tetti e sui terrazzi della città la gente sventola drappi bianchi. Papa Ratzinger ha lasciato il Vaticano in diretta tv...

 di Aldo Vitali

Aldo Vitali, l’editoriale del direttore: quando la Storia vola in elicottero

L’immagine che mi è rimasta negli occhi la scorsa settimana, e che la tv ha mandato in onda decine di volte, è quella di un elicottero bianco che vola nel cielo di Roma, mentre sui tetti e sui terrazzi della città la gente sventola drappi bianchi. Papa Ratzinger ha lasciato il Vaticano in diretta tv...

Foto: Direttore di TV Sorrisi e Canzoni

05 Marzo 2013 | 03:22 di Aldo Vitali

L’immagine che mi è rimasta negli occhi la scorsa settimana, e che la tv ha mandato in onda decine di volte, è quella di un elicottero bianco che vola nel cielo di Roma, mentre sui tetti e sui terrazzi della città la gente sventola drappi bianchi. Papa Ratzinger ha lasciato il Vaticano in diretta tv, facendoci sentire dei privilegiati: credenti e non credenti, siamo stati tutti testimoni di un evento storico.

Quando ce la prendiamo con la televisione, quando la consideriamo un’invenzione «infernale», capace di condizionarci e talvolta di ossessionarci, conviene pensare a momenti come questo, dove diventa preziosissima, anzi insostituibile. Dico una cosa banale, lo so, ma protagonisti di quel momento storico siamo stati anche noi, quelli sui tetti e i milioni davanti al teleschermo, i nostri occhi collegati come non mai coi nostri cuori, ciascuno solo con le proprie sensazioni più private mentre osserva un elicottero che vola via.

Nel numero di Sorrisi in edicola abbiamo pubblicato la foto di questo avvenimento indimenticabile. E abbiamo anche chiesto a quattro esperti che cosa succederà adesso e chi mai potrà essere il successore di questo Papa così sorprendente. Un uomo anziano ma modernissimo, che ha cambiato tante cose e che scegliendo di essere seguito dalla tv minuto per minuto nel suo addio al Vaticano ha colto come nessuno mai, nemmeno Wojtyla, il potere di emozionarci che ha la televisione (poi, a pag. 46, nella bella intervista di Solange Savagnone a Lino Banfi, si scopre che Ratzinger conosce persino Nonno Libero…).

av@mondadori.it
@aldovitali