08 Gennaio 2011 | 11:26

Attenti a quei due, torna la strana coppia Frizzi-Giusti

Amici per la pelle ancora non lo sono ma, assicurano entrambi, «lo stiamo diventando». Quel che è certo è che si stimano reciprocamente e, proprio grazie a questo, hanno accettato con entusiasmo l’idea di sfidarsi pubblicamente in prima serata su Raiuno, a partire da sabato 8 gennaio. Fabrizio Frizzi e Max Giusti sono i protagonisti […]

 di

Attenti a quei due, torna la strana coppia Frizzi-Giusti

Amici per la pelle ancora non lo sono ma, assicurano entrambi, «lo stiamo diventando». Quel che è certo è che si stimano reciprocamente e, proprio grazie a questo, hanno accettato con entusiasmo l’idea di sfidarsi pubblicamente in prima serata su Raiuno, a partire da sabato 8 gennaio. Fabrizio Frizzi e Max Giusti sono i protagonisti […]

08 Gennaio 2011 | 11:26 di

Da sinistra, Max Giusti e Fabrizio Frizzi

Amici per la pelle ancora non lo sono ma, assicurano entrambi, «lo stiamo diventando». Quel che è certo è che si stimano reciprocamente e, proprio grazie a questo, hanno accettato con entusiasmo l’idea di sfidarsi pubblicamente in prima serata su Raiuno, a partire da sabato 8 gennaio. Fabrizio Frizzi e Max Giusti sono i protagonisti di «Attenti a quei due», il programma che li vedrà gareggiare in una serie di prove legate ai più noti format della tv. Tra gare di ballo, carrambate e sfide canore, saranno il pubblico in studio e la giuria tecnica «vip» (diversa in ogni puntata) a decretare il vincitore della serata. Il premio finale sarà rappresentato da una guest star che «si presterà» a essere l’oggetto del contendere e a trascorrere una serata in compagnia del vincitore. Per punizione, invece, lo sconfitto dovrà rendere un «servigio» a un comune telespettatore.
Chi sono i «due» del titolo?
Frizzi: «Due matti, perché ci andiamo a mettere in un gioco bello ma difficile da gestire. In questo genere di programmi, o fai il conduttore o fai il concorrente: farli entrambi è uno stress».
Giusti: «Fabrizio Frizzi e Max Giusti: un esperto signore della tv, il primo; il nuovo che avanza, quello un po’ meno politicamente corretto, il secondo».
Qual è il punto debole e quale, invece, il punto di forza del vostro avversario?
Frizzi: «Il punto debole di entrambi è, sicuramente, il ballo. Col canto, invece, ce la caviamo bene tutti e due. Se entriamo nella zona comica, Max mi dà una pista e, nelle imitazioni, mi schianta. Ma io sono un combattente, ce la farò».
Giusti: «Il ballo è una tragedia per tutti e due. Nella puntata pilota l’ho fatto vincere ma stavolta non c’è scampo per Fabrizio!».
Il programma ha il titolo di un celebre telefilm degli Anni 70. A quale dei due protagonisti vi sentite più vicini?
Frizzi: «Tony Curtis, quello più pasticcione».
Giusti: «Tony Curtis. Frizzi, invece, non lo sa ma è Roger Moore».
Possiamo dire che, con «Attenti a quei due», siete diventati «La strana coppia» di Raiuno?
Frizzi: «Ma sì, siamo una strana coppia. Ma anche molto molto coraggiosa».
Giusti: «Penso di sì e lo trovo lusinghiero. Se c’è qualcuno che poteva fare questo programma, siamo proprio noi due». n