26 Settembre 2011 | 00:10

Barbara D’Urso presenta «Baila!»

«Se andremo in onda vedrete un programma nuovo, semplice, popolare, che vi divertirà». «Baila!», lo show che Barbara D’Urso si prepara a condurre da stasera su Canale 5, e di cui ci dà un quadro in anteprima, è sotto il vaglio di un giudice: oggi ci sarà un’udienza per decidere se «Baila!» sia o no un plagio di «Ballando con le stelle», lo show di Raiuno condotto da Milly Carlucci. «Un nostro perito ha già appurato che “Baila!” è un programma diverso da “Ballando con le stelle” e ha escluso che ci sia un plagio...

 di

Barbara D’Urso presenta «Baila!»

«Se andremo in onda vedrete un programma nuovo, semplice, popolare, che vi divertirà». «Baila!», lo show che Barbara D’Urso si prepara a condurre da stasera su Canale 5, e di cui ci dà un quadro in anteprima, è sotto il vaglio di un giudice: oggi ci sarà un’udienza per decidere se «Baila!» sia o no un plagio di «Ballando con le stelle», lo show di Raiuno condotto da Milly Carlucci. «Un nostro perito ha già appurato che “Baila!” è un programma diverso da “Ballando con le stelle” e ha escluso che ci sia un plagio...

26 Settembre 2011 | 00:10 di

Barbara D’Urso

«Se andremo in onda vedrete un programma nuovo, semplice, popolare, che vi divertirà». «Baila!», lo show che Barbara D’Urso si prepara a condurre da stasera su Canale 5, e di cui ci dà un quadro in anteprima, è sotto il vaglio di un giudice: oggi ci sarà un’udienza per decidere se «Baila!» sia o no un plagio di «Ballando con le stelle», lo show di Raiuno condotto da Milly Carlucci. «Un nostro perito ha già appurato che “Baila!” è un programma diverso da “Ballando con le stelle” e ha escluso che ci sia un plagio. Se il verdetto sarà sfavorevole tutto il lavoro andrà a ramengo con danni ingentissimi e un’ingiusta censura preventiva della trasmissione. Però se scomparissimo noi dovrebbero sparire anche tanti altri programmi di cui non faccio il nome».
Se andrà in onda, in cosa «Baila!» sarà diverso dallo show di Raiuno?
«Premetto che “Ballando” è un bellissimo programma, che l’ho sempre guardato con molta ammirazione e che Milly Carlucci mi è sempre piaciuta molto. Ma sono proprio diversi sia i due format d’origine sia i due programmi, il nostro è un’elaborazione del format messicano “Bailando por un sueño”, l’altro deriva da un format anglosassone».
Con quali peculiarità?
«Là ci sono coppie di ballerini formate da famosi insegnanti professionisti e vip, ed è il vip a vincere. Da noi i concorrenti sono semisconosciuti che fanno altri mestieri ma magari vanno la sera a ballare la salsa, e che chiedono aiuto a un vip per realizzare un sogno personale. Poi vorrei chiarire una cosa: qualche cialtrone ha scritto che probabilmente in “Baila!” ci saranno scene hot prendendo a esempio alcune immagini forti tratte da un adattamento straniero del format. Quello che farò io con il regista e direttore artistico Roberto Cenci sarà distante anni luce da questo».
Lo dice per prevenire le accuse di fare programmi trash?
«Se coloro che dicono certe cose sapessero quanto non me ne importa niente delle loro accuse…».
Si è detta molto fiera di avere Marcella Bella tra i partner vip.
«Perché è un’icona pop e perché non te l’aspetti a ballare. Come Ghedina: ha passato la vita sugli sci, come si muoverà con la musica? Poi c’è il nuotatore Luca Marin, che per ovvi motivi (è l’ex fidanzato di Federica Pellegrini, ndr) è un altro bel colpo».
Chi sono i concorrenti?
«C’è l’infermiere di un centro dialisi, un agricoltore di un’azienda vinicola, un’indossatrice, una commessa di un negozio di scarpe, una donna ingegnere, un ragazzo che dopo una vita a ballare aveva smesso per una delusione d’amore. Sono storie personali interessanti».
Raccontandole, farà le sue rinomate «faccette»?
«Ovvio: visto che anche per quest’anno ho detto no al botulino, posso permettermele! Comunque i ritratti dei concorrenti trovano spazio già da questa settimana a “Pomeriggio Cinque”: ne presento due al giorno».
Ballerà anche lei?
«Se c’è da ballare un “jive” non mi tiro indietro. Ma magari vi stupirò facendo altro. Tipo cantando, o qualcos’altro di un po’ folle…».
Sta seguendo le esternazioni via web della sua vecchia fiamma Vasco?
«Abbiamo lo stesso omeopata, gli ho chiesto della salute di Vasco e mi ha rassicurata. Quanto al modo di comunicare… Magari in futuro mi ci metto pure io a dire la qualunque. Devo solo imparare a usare il computer…».