20 Dicembre 2012 | 00:00

Chiare Visioni, 20 dicembre 2012: i grandi film da non perdere stasera sui canali gratuiti

Uno dei massimi capolavori di uno tra i più grandi registi di sempre: alle 21.05 su Iris c'è «Barry Lyndon», grande film di Stanley Kubrick ispirato a un libro di William Makepeace Thackeray. Sontuoso, romantico e decadente, uno dei più bei film in costume mai realizzati, una gioia per gli occhi.

 di

Chiare Visioni, 20 dicembre 2012: i grandi film da non perdere stasera sui canali gratuiti

Uno dei massimi capolavori di uno tra i più grandi registi di sempre: alle 21.05 su Iris c'è «Barry Lyndon», grande film di Stanley Kubrick ispirato a un libro di William Makepeace Thackeray. Sontuoso, romantico e decadente, uno dei più bei film in costume mai realizzati, una gioia per gli occhi.

20 Dicembre 2012 | 00:00 di

Uno dei massimi capolavori di uno tra i più grandi registi di sempre: alle 21.05 su Iris c’è «Barry Lyndon», grande film di Stanley Kubrick ispirato a un libro di William Makepeace Thackeray, che il regista girò utilizzando solo luci naturali e facendosi costruire obiettivi sperimentali per girare in condizioni di minima illuminazione. Sontuoso, romantico e decadente, è uno dei più bei film in costume mai realizzati, una vera gioia per gli occhi.

Anche alle 21.15 su Rai Movie c’è un titolo essenziale del cinema americano, «Il buio oltre la siepe», tratto dal romanzo di Harper Lee, con Gregory Peck nel ruolo immortale di Atticus Finch. Un caposaldo.

Completiamo la tripletta in prima serata alle 21.15 su Cielo, quando va in onda «Terminator Salvation»: l’ultimo capitolo di una delle saghe di fantascienza più amate, a suo modo, è stata una bella sorpresa. Dategli una chance.

Occhi aperti sulla seconda serata per due titoli da non perdere: alle 23.30 su Canale 5 c’è «Valentino: L’ultimo imperatore», bellissimo documentario dedicato al grande stilista, mentre alle 23.30 su Rai Movie troviamo l’angosciante «1975: occhi bianchi sul pianeta Terra»: è ispirato allo stesso racconto di Richard Matheson da cui, molti anni dopo, è stato tratto anche «Io sono leggenda» con Will Smith.