20 Maggio 2009 | 15:50

Elisabetta Canalis prende il posto di Elena Santarelli (che sarà mamma in Agosto) alla guida di «Total Request Live»: «Ehi, non dite che sono la vecchia di Mtv»

«È vero che è la tv dei giovanissimi» spiega la conduttrice (che dopo «Festivalbar» torna alla guida di un programma musicale) «ma ho solo trent’anni! Potrei svenire presentando Shakira»

 di

Elisabetta Canalis prende il posto di Elena Santarelli (che sarà mamma in Agosto) alla guida di «Total Request Live»: «Ehi, non dite che sono la vecchia di Mtv»

«È vero che è la tv dei giovanissimi» spiega la conduttrice (che dopo «Festivalbar» torna alla guida di un programma musicale) «ma ho solo trent’anni! Potrei svenire presentando Shakira»

20 Maggio 2009 | 15:50 di

Elisabetta Canalis  (Foto Massimo Sestini/G.Neri)
Elisabetta Canalis (Foto Massimo Sestini/G.Neri). Sfoglia la fotogallery di Elisabetta Canalis

«Vi presento la mia sostituta. Anche lei ha fatto un calendario, anche lei ha avuto a che fare con un calciatore (Bobo Vieri), anche lei è una gran bella ragazza: Elisabetta Canalis». Così Elena Santarelli ha ceduto lo scettro di «Total Request Live» (in onda su Mtv) a Elisabetta Canalis. Elena lascia perché in dolce attesa (il figlio Giacomo, avuto dalla relazione con il calciatore Bernardo Corradi, nascerà la prima settimana di agosto; ndr). Elisabetta invece si rimette alla guida di una trasmissione musicale dopo il «Festivalbar» 2007.
Elisabetta, non crede di essere un po’ vecchia per Trl?
«No, nell’ultimo periodo Mtv America ha arruolato alla conduzione personaggi che hanno lavorano da tempo in tv. Io faccio questo mestiere da quasi dieci anni. Di certo non mi vedrete in abito da sera o con superscollature fino all’ombelico. Sarei fuori luogo».
Che cosa la vedremo fare?
«Il mio sogno è quello di poter presentare in trasmissione Francesco De Gregori. Lui è un poeta. In alternativa potrei svenire in diretta per Missy Elliot (rapper e produttrice musicale statunitense; ndr) o per Shakira. Sono andata al suo concerto. Si è presentata in scena scalza, con indosso vecchi pantaloni stretti e una magliettina semplice. Pazzesca».
Lei parla inglese? O già trema all’idea di dover affrontare gli ospiti musicali stranieri?
«I speak english very well (Io parlo inglese molto bene). Ho studiato in America. Se dovesse venire in studio Robbie Williams, saprei come affrontarlo».
E gli ascolti?
«Io sono passata da programmi come “Striscia la notizia” a “Re Artù”, una trasmissione di nicchia. Lo share non è un problema. Io sono una fan di Licia Colò. Il suo “Alle falde del Kilimangiaro” non fa grandi ascolti, ma è validissimo».
Ha pensato che i fan di Trl possano venire in trasmissione per lei, dimenticandosi dei cantanti?
«Non credo. La maggior parte sono ragazzine che impazziscono per i Finley o altri gruppi. La Canalis ha il suo pubblico che si porta dietro da quando faceva la velina o “Controcampo”».
Lei scarica musica illegale?
«No. Uso iTunes».
Acquisterebbe il singolo di Giusy Ferreri o di Marco Carta?
«Non ho seguito né “Amici”, né “X Factor”. Però adoro Giusy e adoro i testi che Tiziano Ferro ha scritto per lei. In Italia la Ferreri e Carta sono stati gli unici che hanno fatto muovere le case discografiche. Non amo i reality, ma “Amici” e “X Factor” dimostrano che si possono valorizzare i talenti».
A proposito di talenti, chi è l’erede di Elisabetta Canalis?
«Me lo chieda tra dieci anni. Non c’è la nuova Canalis perché sono ancora qui… e sogno d’incontrare Francesco De Gregori».

Gabriele Parpiglia