07 Agosto 2013 | 05:06

La tv che verrà: in «Baciamo le mani» Virna Lisi e Sabrina Ferilli contro la mafia

Virna e Sabrina sono le protagoniste delle otto puntate di «Baciamo le mani – Palermo New York 1958», in onda in prima serata da settembre. Il titolo riporta ai più classici cliché del mondo mafioso, il mondo che la fiction si ripropone di raccontare...

 di

La tv che verrà: in «Baciamo le mani» Virna Lisi e Sabrina Ferilli contro la mafia

Virna e Sabrina sono le protagoniste delle otto puntate di «Baciamo le mani – Palermo New York 1958», in onda in prima serata da settembre. Il titolo riporta ai più classici cliché del mondo mafioso, il mondo che la fiction si ripropone di raccontare...

07 Agosto 2013 | 05:06 di

Due donne forti, volti popolari, capaci di far sognare generazioni sia attraverso lo schermo, sia fuori, si ritrovano sul set dopo 12 anni. Il pensiero corre a «Le ali della vita», la prima fiction che le vide insieme. Là Virna Lisi vestiva i panni di suor Alberta, in contrasto con i moderni metodi educativi di Sabrina Ferilli, la professoressa di canto Rosanna Ranzi, amata dalle allieve ma vista con diffidenza dall’austera istitutrice. Il successo fu tale che una seconda stagione si rese quasi un obbligo.

Per la gioia di Canale 5, che ora decide di tornare a puntare su questa strana ma vincente coppia di eroine. Virna e Sabrina sono le protagoniste delle otto puntate di «Baciamo le mani – Palermo New York 1958», in onda in prima serata da settembre. Il titolo riporta ai più classici cliché del mondo mafioso, il mondo che la fiction si ripropone di raccontare. Ci muoviamo tra Sicilia e America alla fine degli Anni 50. Ida (Sabrina Ferilli) vive sull’isola assieme a suo figlio Salvatore ed è costretta a scappare da don Cesare Romeo (Luigi Maria Burruano), un boss locale che dopo aver ucciso il marito della donna ora vuole far fuori anche lei, preoccupato che la sua testimonianza possa contribuire a incastrarlo davanti a un tribunale.

Negli Stati Uniti invece Agnese Vitaliano (Virna Lisi), vedova con quattro figli ormai adulti, gestisce un’avviata macelleria sulla quale ha messo gli occhi Gillo Draghi (Burt Young), influente e spietato padrino di Little Italy. Arrivata a New York con il piccolo Salvatore, Ida vuole rifarsi una vita. Ed è qui che i destini delle due donne coraggiose si intrecciano. Ida sposa Pasquale (Massimo Bellinzoni), il figlio maggiore di Agnese (l’altro è Ruggero, interpretato da Francesco Testi). Non piacersi affatto, tra suocera e nuora, è un attimo.

Le due entrano in conflitto su tutto: dai sospetti sulla genuinità dei sentimenti di Ida per il nuovo marito ala gestione degli affari, sino alle strategie per contrastare la lunga mano della mafia. Le vicissitudini le porteranno inevitabilmente a diventare da nemiche ad alleate per cercare di scardinare quel «Baciamo le mani», segno di sudditanza verso la malavita.

Nel cast della fiction figurano, tra gli altri, Martina Pinto (è Felicita Vitaliano, figlia di Agnese), Nathalie Rapti Gomez (nei panni di Louise, moglie di Ruggero) e Massimiliano Morra, protagonista con Manuela Arcuri della recente fiction «Pupetta».