Home TvFilm5 film (più 2 serie TV) da vedere sulla Seconda Guerra Mondiale

26 Settembre 2017 | 12:12

5 film (più 2 serie TV) da vedere sulla Seconda Guerra Mondiale

Se «Dunkirk» vi ha fatto venire voglia di vedere altri film di guerra epici, ecco cinque titoli da non perdere!

 di Stefano Della Villa

5 film (più 2 serie TV) da vedere sulla Seconda Guerra Mondiale

Se «Dunkirk» vi ha fatto venire voglia di vedere altri film di guerra epici, ecco cinque titoli da non perdere!

Foto: «The Pacific»  - Credit: © HBO

26 Settembre 2017 | 12:12 di Stefano Della Villa

«Dunkirk» di Christopher Nolan ha fatto tornare nei cinema la Seconda Guerra Mondiale, raccontando la storia dell’epico salvataggio dei 300.000 soldati britannici intrappolati dai nazisti sulle coste francesi. Se vi è venuta voglia di vedere film di guerra ambientati durante il secondo conflitto mondiale, ecco quattro film e una serie TV che non possono mancare nella vostra videoteca!

• «Dunkirk», la guerra secondo Christopher Nolan

• «Dunkirk», di cosa parla il film di guerra di Christopher Nolan

Salvate il soldato Ryan

È il film che ha rilanciato la “moda” della Seconda Guerra Mondiale al cinema alla fine degli anni ‘90. Steven Spielberg dirige Tom Hanks per raccontare lo Sbarco in Normandia, avvenuto il 6 giugno 1944. La più imponente operazione aeronavale della Storia, con cui gli Alleati hanno infranto il vallo atlantico nazista e iniziato la liberazione dell’Europa occupata. Il film inizia proprio con lo sbarco: le spiagge battute dai bombardamenti, la mitragliatrice tedesca che spara inesorabile dal bunker e colpisce uno dei mezzi di sbarco seminando morte a ogni colpo. La storia è quella del capitano John Miller (Tom Hanks, appunto) del secondo battaglione dei Rangers americani, che sbarca con i suoi uomini in uno dei punti peggiori del D-Day, la spiagga Omaha. Dopodiché, deve raccogliere sette tra i sopravvissuti e partire per una Odissea personale, superando le linee nemiche per recuperare il soldato Ryan, paracadutista disperso durante la notte dello sbarco. Difatti, lo Zio Sam ha scoperto che questo Ryan è l’ultimo di quattro fratelli ancora in vita – tutti gli altri sono stati uccisi in guerra – e vuole salvarlo a tutti i costi. Un film di guerra magistrale. Nel cast c’è anche Matt Damon (Jason Bourne, Elysium) e un Vin Diesel (Pitch Black, Fast & Furious) a inizio carriera.

Fury

Siamo quasi alla fine della Seconda Guerra Mondiale: gli Alleati sono arrivati in Germania e il regime nazista sta per crollare. Don Collier è il capocarro di un tank americano soprannominato Fury, e insieme al suo equipaggio sa che sebbene la Germania stia per capitolare, i soldati tedeschi non hanno alcuna intenzione di fare sconti. Ogni collina, ogni bosco può nascondere l’imboscata dei mortali Panzerschreck, i lanciarazzi anti tank tedeschi, o dell’ancora più mortale e ciclopico carro Tigre. Fury racconta gli ultimi giorni di guerra dell’equipaggio del carro, tra battaglie senza quartiere, terrore e atti di puro eroismo. Il duello con il carro tedesco è imperdibile. La storia è di fantasia, ma è basata su un episodio realmente accaduto, in cui il tenente Audie Murphy riuscì a respingere praticamente da solo diverse compagnie tedesche da un tank semidistrutto. Il capocarro è Brad Pitt (Allied, Bastardi senza gloria), mentre nel suo equipaggio troviamo, tra gli altri, Shia LeBeouf (Transformers, Wall Street) e Logan Lerman (Percy Jackson e gli dei dell’Olimpo).

Band of Brothers / The Pacific

Il “diario di guerra” di Stephen Ambrose è diventato una serie TV che racconta la vera storia della Compagnia E della 101° Aviotrasportata. Prodotto da Steven Spielberg e da Tom Hanks, è la naturale evoluzione di Salvate il Soldato Ryan. La Compagnia E inizia l’addestramento negli USA e poi viene spostata in Gran Bretagna in attesa del D-Day, quando viene paracadutata oltre le linee nemiche. Oltre allo Sbarco in Normandia, la Easy Company combatte anche durante l’operazione Market Garden in Olanda e nella sacca di Bastogne, nella battaglia delle Ardenne. Realistico, a volte brutale, molto accurato storicamente. Tra i Fratelli al Fronte riconoscerete Damian Lewis (il soldato americano protagonista di Homeland e lo spietato miliardario di Billions), un giovanissimo Michael Fassbander (Assassin’s Creed, Alien: Covenant) e David Schwimmer (di Friends).

Da non perdere anche The Pacific, "seguito" spirituale di Band of Brothers. L'azione si sposta nello scenario dell'Oceano Pacifico e racconta le vicende di tre Marine (Robert Leckie, Eugene Sledge e John Basilone) che facevano parte di tre diversi reggimenti (rispettivamente Primo, Quinto e Settimo) dela Prima Divisione della Marina. The Pacific racconta le battaglie nel Pacifico rimaste nella storia come Guadalcanal, Cape Gloucester, Peleliu e Okinawa, così come l'impegno di Basilone nella battaglia di Iwo Jima.

Il nemico alle porte

Stalingrado, 1942. L’invasione nazista della Russia di Stalin è arrivata al suo culmine. La metropoli sovietica, che ha anche il nome del suo leader, non può cadere in mano alle truppe di Hitler. La guerra sul fronte orientale è ancora più spietata, sia per l’odio tra nazisti e comunisti, sia per il freddo e la fame. A farne le spese, migliaia di soldati russi spediti al fronte come carne al macello, praticamente disarmati e costretti a combattere pena la fucilazione. In mezzo a questo insensato massacro, si distingue il soldato Vasilij (Jude Law), un abile cecchino che diventa un simbolo della lotta contro i nazisti grazie al commissario politico Danilov (Joseph Fiennes, visto anche in Shakespeare in Love). I tedeschi reagiscono spedendo sul fronte il loro tiratore migliore: la sfida finale tra cecchini è inevitabile!

Flags of Our Fathers / Lettere da Iwo Jima

Clint Eastwood dirige due film sulla guerra nel Pacifico che sono quasi complementari. Il primo è Flags of Our Fathers, che racconta la battaglia di Iwo Jima dal punto di vista di tre marines, proprio quelli che alla fine dei combattimenti innalzano la bandiera a stelle e strisce come simbolo di vittoria, ritratti dalla famosa fotografia di Joe Rosenthal. Il secondo è Lettere da Iwo Jima, e parla della stessa battaglia ma dal punto di vista giapponese. Una storia ancora più disperata, in cui i soldati nipponici sono decisi a resistere fino all’ultimo uomo. Nel film, gli attori parlano in giapponese e dovrete attivare i sottotitoli per comprendere i dialoghi. Consigliamo di vederli entrambi nella stessa serata o in rapida successione.