Home TvFilm«Un paese quasi perfetto»: trama, trailer e perché vederlo

11 Ottobre 2017 | 12:55

«Un paese quasi perfetto»: trama, trailer e perché vederlo

Fabio Volo, Silvio Orlando, Carlo Buccirosso e Miriam Leone sono i protagonisti di questa attualissima e divertente commedia diretta da Massimo Gaudioso

 di Giacomo Bernardi

«Un paese quasi perfetto»: trama, trailer e perché vederlo

Fabio Volo, Silvio Orlando, Carlo Buccirosso e Miriam Leone sono i protagonisti di questa attualissima e divertente commedia diretta da Massimo Gaudioso

11 Ottobre 2017 | 12:55 di Giacomo Bernardi

«Un paese quasi perfetto» è una commedia italiana del 2016 scritta e diretta da Massimo Gaudioso, già sceneggiatore di «Benvenuti al Sud» (2010). Il film è la trasposizione di «Un village presque parfait», divertente pellicola francese del 2014 diretta da Stéphane Meunier. Tra gli interpreti principali spiccano Fabio Volo, Carlo Buccirosso, Silvio Orlando e Miriam Leone. Interamente girato in Basilicata, precisamente nei comuni di Pietrapertosa e Castelmezzano, il film ha riscosso un ottimo successo di critica ed è valso a Gaudioso la candidatura per la Miglior Sceneggiatura ai David di Donatello.

TRAMA

Il piccolo paesino di Pietramezzana, abitato da sole 120 persone, è caduto in disgrazia in seguito alla chiusura di una grande miniera che dava lavoro a gran parte della popolazione. Gli abitanti del paese vedono una possibile rinascita nei piani di un imprenditore, fortemente intenzionato a reperire fondi europei per investire a Pietramezzana. Per ottenere le risorse comunitarie, però, è necessario che a Pietramezzana stazioni stabilmente un medico, che i cittadini individuano in Gianluca Terragni, un chirurgo estetico reclutato in maniera rocambolesca per l'occasione. Quando i piano dell'imprenditore si riveleranno maligni e inconsistenti, sarà proprio il medico a tirare fuori dal cilindro un'idea per rilanciare la vita economica di Pietramezzana.

TRAILER

PERCHÉ VEDERLO

Massimo Gaudioso tratta in maniera delicata e ironica uno dei temi più attuali della nostra amata e "quasi perfetta" nazione: la mancanza di lavoro. Tra gag esilaranti e divertenti dialoghi, viene descritto perfettamente lo stato d'animo di chi rimane senza un impiego e senza un futuro. Tra le mille perpipezie che coinvolgono i protagonisti, si ha tempo anche di apprezzare gli straordinari paesaggi della Basilicata e i divertenti usi e costumi dei borghi più nascosti, caratteristica peculiare di molti paesini del Sud Italia. Una commedia fresca e genuina in cui, alla fine, i veri valori come amicizia, bontà d'animo e attaccamento alla propria terra, hanno la meglio su avidità e cinismo. Insomma, una vera e propria favola.