Home TvIl Miptv celebra 50 anni con una grande festa e un’edizione speciale del magazine

12 Aprile 2013 | 00:01

Il Miptv celebra 50 anni con una grande festa e un’edizione speciale del magazine

Un 2013 indimenticabile per il MIPTV, il mercato internazionale dei programmi televisivi di Cannes, che questa settimana compie 50 anni. 50 anni di storia, 50 anni di televisione, 50 eventi durante la manifestazione, 50 colpi di fuochi d’artificio, 50 memorabili momenti.

 di

Il Miptv celebra 50 anni con una grande festa e un’edizione speciale del magazine

Un 2013 indimenticabile per il MIPTV, il mercato internazionale dei programmi televisivi di Cannes, che questa settimana compie 50 anni. 50 anni di storia, 50 anni di televisione, 50 eventi durante la manifestazione, 50 colpi di fuochi d’artificio, 50 memorabili momenti.

12 Aprile 2013 | 00:01 di Redazione

di FIORELLA CONGEDO

E… 50! Un 2013 indimenticabile per il MIPTV, il mercato internazionale dei programmi televisivi di Cannes, che questa settimana compie 50 anni!

50 anni di storia, 50 anni di televisione, 50 eventi durante la manifestazione, 50 colpi di fuochi d’artificio, 50 memorabili momenti fermati in un’edizione speciale del MIPTV MAGAZINE che si presenta come una vera e propria carrellata degli snodi cruciali, dei successi, della conquista dell’attenzione globale, dei volti, delle storie, dei premi e delle prime del piccolo schermo, che da qui, da questo appuntamento francese, hanno preso avvio per disegnare il proprio percorso nel mondo. La vita, le tendenze del mercato e del gusto, la cronaca e le profonde trasformazioni sociali che si intrecciano con i media e i suoi linguaggi, in un continua contaminazione degli uni con gli altri, per una rivoluzione culturale che dal 1963, ogni aprile, raggiunge l’acme in una settimana di incontri e di scambi, generando un’onda d’urto di mesi, anni, a volte decenni.

Così, nel numero speciale, si comincia proprio dal 1963, anno dell’assassinio di Kennedy, ma anche del mitico debutto del “Doctor Who” su BBC per arrivare fino ai festeggiamenti del Capodanno cinese del 2013 seguito da 750 milioni di telespettatori nel mondo, passando per il debutto di “Star Trek” su NBC nel 1966, quello dei pupazzi animati Sesame Street su NET nel 1969, de “L’Ispettore Derrick” su ZDF nel 1974, della CNN primo canale dedicato all’informazione 24 ore su 24 negli Stati Uniti nel 1980, di “Cheers” su NBC nel 1982, dei “Simpson” su Fox nel 1987, dei “Power Rangers” nel 1993 su Fox Kids, dei “Soprano” nel 1999 su HBO e di “Hugly Betty” su RCN, di “Pop Idol” nel 2001 su ITV, di “Disperate Housewives” su ABC nel 2004, ma anno anche dell’ultima puntata di “Friends” della NBC. Non trascurando annate con ospiti mitici, come il 1993 in cui Charlton Heston tagliò la torta del trentesimo anniversario e presentò “The Bible” che, prodotta nel 1992 da A&E Television, proprio grazie al MIPTV era stata stravenduta in tutto il mondo, o eventi come la trasmissione in diretta dell’allunaggio dell’Apollo 11, seguita da 720 milioni di telespettatori nel 1969 o le Olimpiadi di Beijing del 2008 seguite dal 92% della popolazione cinese.

-Quando nel 1963 si decise di cominciare con il primo MIPTV-dice Paul Zilk, a capo di di Reed Midem, la società che organizza l’evento- non esisteva un luogo che accogliesse i rappresentanti del mercato televisivo internazionale. A quei tempi in Europa ogni paese autoproduceva i propri contenuti senza possibilità di scambio. Il MIPTV guardò avanti e rappresentò subito un’occasione in cui i programmi potevano essere presentati, venduti e comprati a livello mondiale. Da allora, è sempre stata quella la direzione, avanti, perché il MIPTV, in 50 anni, è diventato il cuore del mercato televisivo internazionale, trasformandosi continuamente e accogliendo dopo i primi, isolati, broadcaster, sempre più partner e via via tutti i produttori indipendenti ed i vari players del mercato dell’informazione, della comunicazione, del licensing, dei documentari, dei format e, più recentemente, della rivoluzione digitale.

E allora festa di compleanno grandiosa questa del cinquantesimo, degna di tanta tradizione, con oltre 11.000 presenze da oltre cento paesi diversi, ospiti illustri, molti eventi emozionanti, come lo screening della prima puntata di “Da Vinci’s Demons”, la nuova, straordinaria, serie BBC/STARZ scritta da David S. Goyer (coautore de Il Cavaliere Oscuro ) che celebra il genio di Leonardo Da Vinci negli anni giovanili a Firenze e che arriverà su Fox Italia a partire dal 22 di aprile (canale 111 di Sky), la presentazione di “the Odyssey” la serie storica, coproduzione RAI-ARTE-RTP, che vede protagonista la Bond girl Caterina Murino (presente a Cannes) nella veste di Penelope e che promette di svelare il lato nascosto dell’opera omerica.

Ma soprattutto un mercato vivace, brillante, vario con una tendenza forte verso i cosiddetti “epic dramas” che vanno a inghiottire una parte dello spazio dei documentari, incredibili game-show da prima serata ed il ritorno in auge delle mini-serie. Ed ancora una volta, è il caso di dirlo, cucina in tutte le salse, dall’animazione ai reality, dalle lezioni per teen-agers fino ad un nuovo, divertente, format, “Rivals in law”, che siamo sicuri, spopolerà a cascata in tutti i paesi: moglie e suocera si sfideranno in gare culinarie in cui toccherà al povero marito/figlio decidere quale delle due incoronare la regina dei fornelli!

Chissà se, in quel lontano 1963, qualcuno aveva immaginato a che dirompenti effetti quel primo MIPTV un giorno avrebbe portato…