02 Marzo 2009 | 19:04

In mostra a Milano i «nonni» di Goldrake e Mazinga

Siete appassionati di manga e vi siete sempre chiesti dove i mangaka (gli autori di cartoon e fumetti giapponesi) hanno trovato l’ispirazione per  disegnare i fantastici robot guerrieri protagonisti delle serie che ci hanno fatto sognare dalla metà degli Anni 70 in poi? La risposta la trovate a Milano, nelle sale di Palazzo Reale, dove […]

 di

In mostra a Milano i «nonni» di Goldrake e Mazinga

Siete appassionati di manga e vi siete sempre chiesti dove i mangaka (gli autori di cartoon e fumetti giapponesi) hanno trovato l’ispirazione per  disegnare i fantastici robot guerrieri protagonisti delle serie che ci hanno fatto sognare dalla metà degli Anni 70 in poi? La risposta la trovate a Milano, nelle sale di Palazzo Reale, dove […]

02 Marzo 2009 | 19:04 di

samurai
Da sinistra, un'armatura da Samurai del 1534 e un robot della serie «Battle Fever J»

Siete appassionati di manga e vi siete sempre chiesti dove i mangaka (gli autori di cartoon e fumetti giapponesi) hanno trovato l’ispirazione per  disegnare i fantastici robot guerrieri protagonisti delle serie che ci hanno fatto sognare dalla metà degli Anni 70 in poi? La risposta la trovate a Milano, nelle sale di Palazzo Reale, dove è stata allestita una grande mostra dedicata alle armature dei Samurai, la casta di guerrieri che ha dominato il Giappone fino alla seconda metà dell’Ottocento.
Goldrake è dunque «nipote» ideale di Tokugawa Ieyasu, lo shogun che unificò il Giappone nel 1603.
«Un accostamento per nulla irriguardoso», ha spiegato Giusppe Piva, curatore della mostra (che espone circa novanta pezzi, tutti di altissmo livello, proveninenti dalla collezione privata di Luigi Koelliker e dalle raccolte del Castello sforzesco). «Goldrake, Mazinga, Gundam e Daitarn 3, sono eredi diretti dei veri Samurai. Sono l’evoluzione tecnologica dello spirito marziale giapponese. Una perfetta sintesi del Giappone antico e moderno».

Infatti, l’ultima sala della mostra è dedicata proprio ai samurai d’acciaio dei manga con una serie di modelli arrivati appositamente dal Giappone.

Prima di arrivare all’appuntamento con i loro eroi, però, gli appassionati di anime scopriranno il favoloso mondo dei veri samurai, con il loro rigido codice d’onore e l’ eleganza formale sintetizzata da favolose e sgargianti armature le quali, oltre a proteggere il guerriero, avevano il compito di identificarlo in battaglia, rendendolo una bandiera per i compagni d’arme e una sfida immediatamente visibile per il nemico.

Per tutta la durata della mostra è prevista una serie di iniziative culturali parallelle compresa una rassegna cinematografica intitolata «I samurai nell’animazione», organizzata dalla Yamato Video, che prevede, tra gli altri, la proiezione dei primi 3 episodi della serie «Metal armor Dragonar» e dei lungometraggi «Baldios, il guerriero dello spazio» e «Ninja scroll».

PER SAPERNE DI PIÙ

Samurai
A cura di Giuseppe Piva e della Fondazione Antonio Mazzotta
25 febbraio – 2 giugno 2009
Palazzo Reale Piazza del Duomo 12, Milano
Informazioni: INFOLINE 02.54913, www.mostrasamurai.it
www.mazzotta.it;
www.comune.milano.it/palazzoreale
Orario: tutti i giorni 9.30/19.30; lunedì 14.30/19.30; giovedì 9.30/22.30
Aperta con orario normale: 12 aprile, 13 aprile, 25 aprile, 1° maggio, 2 giugno 2009
Biglietto d’ingresso: intero euro 8,00; ridotto euro 6,00, scuole euro  4,00
Catalogo con testi di Giuseppe Piva, Francesco Civita, Gianni Fodella
Edizioni Gabriele Mazzotta (euro 30,00 in libreria, euro 20,00 in mostra)