23 Giugno 2009 | 12:35

La7 presenta il nuovo palinsesto tra molte conferme e un’incertezza: Maurizio Crozza

La certezza è che Maurizio Crozza in video ci sarà con due appuntamenti speciali. L’incertezza invece è che di una sua nuova trasmissione il prossimo anno non si sa nulla. Per l’uomo di satira da anni a La7 il futuro si fa improvvisamente incerto. La vicenda ha tenuto banco questa mattina alla Triennale di Milano, […]

 di

La7 presenta il nuovo palinsesto tra molte conferme e un’incertezza: Maurizio Crozza

La certezza è che Maurizio Crozza in video ci sarà con due appuntamenti speciali. L’incertezza invece è che di una sua nuova trasmissione il prossimo anno non si sa nulla. Per l’uomo di satira da anni a La7 il futuro si fa improvvisamente incerto. La vicenda ha tenuto banco questa mattina alla Triennale di Milano, […]

Foto: La certezza è che Maurizio Crozza in video ci sarà con due appuntamenti speciali. L'incertezza invece è che di una sua nuova trasmissione il prossimo anno non si sa nulla. Per l'uomo di satira da anni a La7 il futuro si fa improvvisamente incerto. La vicenda ha tenuto banco questa mattina alla Triennale di Milano, quando Giovanni Stella e Mauro Nanni, rispettivamente vicepresidente e amministratore delegato di Telecom Italia Media, insieme con il direttore di rete, Lillo Tombolini, hanno presentato il palinsesto autunnale. Ne risulta che il comico viene programmato a dicembre con due appuntamenti speciali, in attesa di una trasmissione per il prossimo anno. Il comico ironizza («mi fanno fare solo due puntate, però importanti») e si rimette, non proprio pacifico, alle decisioni aziendali. Perchè, come ha riconosciuto lo stesso Stella, se «è difficile dire quando Crozza stia scherzando», l'impressione che non fosse questo il caso è stata vivida. Se non altro perchè, dell'annunciato nuovo programma in lizza per la primavera, non c'è davvero nulla di definitivo. «Ci stiamo lavorando», ha assicurato Nanni; «non chiedete a me cosa farò», ha ribadito Crozza, semplicemente perchè lui non sa. «E poi avete capito? Stanno lavorando, non vuol dire che si farà». Poco chiare anche le ragioni per l'annullamento di una trasmissione come «Crozza Italia Live»: «i programmi si deteriorano», ha spiegato laconico Stella; ma Tombolini, a conferenza ormai conclusa, ha tirato in ballo la variabile budget. Insomma, La7 ripartirà dai suoi volti noti e programmi di punta (confermati in quantità e modalità le esperienze di «Exit» di Ilaria D'Amico, «L'infedele» di Gad Lerner, «Omnibus», «Niente di Personale» di Antonello Piroso, «Victor Victoria» della Cabello, «Otto e Mezzo» con la Gruber), pur riservandosi di immaginare nuove e diverse collocazioni per il suo Maurizio Crozza.

23 Giugno 2009 | 12:35 di

La certezza è che Maurizio Crozza in video ci sarà con due appuntamenti speciali. L’incertezza invece è che di una sua nuova trasmissione il prossimo anno non si sa nulla. Per l’uomo di satira da anni a La7 il futuro si fa improvvisamente incerto. La vicenda ha tenuto banco questa mattina alla Triennale di Milano, quando Giovanni Stella e Mauro Nanni, rispettivamente vicepresidente e amministratore delegato di Telecom Italia Media, insieme con il direttore di rete, Lillo Tombolini, hanno presentato il palinsesto autunnale. Ne risulta che il comico viene programmato a dicembre con due appuntamenti speciali, in attesa di una trasmissione per il prossimo anno.
Il comico ironizza («mi fanno fare solo due puntate, però importanti») e si rimette, non proprio pacifico, alle decisioni aziendali. Perchè, come ha riconosciuto lo stesso Stella, se «è difficile dire quando Crozza stia scherzando», l’impressione che non fosse questo il caso è stata vivida. Se non altro perchè, dell’annunciato nuovo programma in lizza per la primavera, non c’è davvero nulla di definitivo. «Ci stiamo lavorando», ha assicurato Nanni; «non chiedete a me cosa farò», ha ribadito Crozza, semplicemente perchè lui non sa. «E poi avete capito? Stanno lavorando, non vuol dire che si farà». Poco chiare anche le ragioni per l’annullamento di una trasmissione come «Crozza Italia Live»: «i programmi si deteriorano», ha spiegato laconico Stella; ma Tombolini, a conferenza ormai conclusa, ha tirato in ballo la variabile budget. Insomma, La7 ripartirà dai suoi volti noti e programmi di punta (confermati in quantità e modalità le esperienze di «Exit» di Ilaria D’Amico, «L’infedele» di Gad Lerner, «Omnibus», «Niente di Personale» di Antonello Piroso, «Victor Victoria» della Cabello, «Otto e Mezzo» con la Gruber), pur riservandosi di immaginare nuove e diverse collocazioni per il suo Maurizio Crozza.