08 Giugno 2013 | 12:39

Lineablu, Donatella Bianchi stila per Sorrisi la classifica delle 10 spiagge italiane più belle

Con i suoi 7.375 chilometri di coste, l'Italia è disseminata di spiagge che il mondo ci invidia. Abbiamo chiesto a Donatella Bianchi, tornata su Rai1 per condurre la nuova edizione di «Lineablu», di stilare per noi la classifica delle dieci spiagge più belle...

 di

Lineablu, Donatella Bianchi stila per Sorrisi la classifica delle 10 spiagge italiane più belle

Con i suoi 7.375 chilometri di coste, l'Italia è disseminata di spiagge che il mondo ci invidia. Abbiamo chiesto a Donatella Bianchi, tornata su Rai1 per condurre la nuova edizione di «Lineablu», di stilare per noi la classifica delle dieci spiagge più belle...

Foto: ANSA/CLAUDIO PERI

08 Giugno 2013 | 12:39 di

Con i suoi 7.375 chilometri di coste, l’Italia è disseminata di spiagge che il mondo ci invidia. Ma anche di gioielli paesaggistici poco noti ai più. Abbiamo chiesto a Donatella Bianchi, che sabato 8 giugno torna su Rai1 per condurre la ventesima stagione di «Lineablu», di stilare per noi la classifica delle dieci spiagge più belle visitate nelle sue esplorazioni.

1. La spiaggia delle Rosse e delle Nere (Portovenere – La Spezia)
Superato il Canale di Portovenere, lasciata San Pietro e la Gotta Byron alle spalle, la costa si fa alta e imponente, è lì che il mare ha scavato piccole grotte e anfratti dove ha trasportato ciottoli e sabbia dando vita a piccole spiaggette. A molte di queste non si accede altro che dal mare, come è il caso delle Rosse e delle Nere. Due spiagge situate grosso modo sotto il Monte Castellana e che devono il nome al loro colore. Questo dipende delle rocce che le sovrastano che, con continue, piccole frane, fanno sì che la spiaggia non venga completamente «mangiata» dal mare. Per lo stesso motivo, però, a volte sono interdette ai bagnati per rischio frane.

2. Cala Francese (Capo Testa – Santa Teresa Gallura)
Nel cuore di Capo Testa, una delle cale solitarie con la piccola spiaggia incastonate nelle splendide rocce granitiche, dall’aspetto lunare che ha dato il nome alla località, Valle della Luna. Raggiungibile dal mare e da terra.

3. La spiaggia nera di Cala Pozzolana di Ponente (Linosa )
È l’unica spiaggia dell’isola e come nella candida spiaggia dei Conigli della vicina Lampedusa , è sito di deposizione della Caretta Caretta. Il suo fascino sta nella sabbia nera, fa da sfondo alla piccola baia, una parete di roccia dai colori inconsueti: il giallo zolfo, il nero e il color ruggine e il Monte Nero, vulcano ormai inattivo. In questa baia attraccano anche il traghetto che fa la spola tra Lampedusa e Porto Empedocle.

4. Spiaggia del Laghi di Marinello (Tindari)
Alla base del promontorio di Tindari si trova una zona sabbiosa con una serie di piccoli specchi d’acqua. Esiste da solo un secolo e si trasforma continuamente con movimenti della sabbia, spinta dalle mareggiate. La spiaggia è conosciuta come Riserva naturale di Marinello o «il mare secco».

5. Sirolo: Spiaggia delle due Sorelle
Raggiungibile solo dal mare è il simbolo della Riviera del Conero. Prende il nome dai due scogli gemelli , è la prima spiaggetta bianca del fianco sud del monte Conero. Spiaggia di ghiaia, sassi e scoglio.

6. Po di Pila: le spiagge selvagge alla foce del fiume
Insospettabili e inaspettate. Selvagge e incantevoli.

7. Piscinas (Costa Verde)
Fuori dal tempo , circondata dalle dune più alte d’Europa in continua metamorfosi, frequentata dal cervo sardo, battuta dal maestrale, profumata dal giglio di mare. Raggiungerla è un’impresa. Tutto ciò che si incontra lungo l’unica strada possibile racconta la storia dell’epopea mineraria di quello che oggi si chiama Parco Geo Minerario del Sulcis Iglesiente.

8. Le spiagge di Vendicari (Noto)

9. Porto Infreschi la spiaggia (Marina di Camerota – Cilento)
La presenza di una sorgente sotterranea che sgorga direttamente sotto il livello del mare rende l’acqua particolarmente fredda , poco salata e chiarissima per le sfumatura del calcare dolomitico dal giallo al rosa al grigio.

10. Cala dei Frati (Elba)
Raggiungibile solo via mare è una piccola spiaggia, di circa 100 metri tra le Ghiaie e la Padulella. Anzi, è possibile raggiungerla anche a piedi partendo dalla vicina spiaggia de le Ghiaie, circa 80-100 metri, ma bagnandosi almeno fino alla vita esposta a nord-nordest è ottimamente riparata dai venti che vanno dallo scirocco al ponente. I ciottoli bianchi sono talmente levigati e addolciti da sabbia bianca con grana grossa da non far rimpiangere spiagge più blasonate. I colori dell’ acqua e le trasparenze la rendono unica.