24 Agosto 2013 | 07:32

Mara Venier a «Domenica In»: «Sono felice perché torno a casa». L’intervista

La Signora della domenica sta per riprendere il «suo» posto. A vent’anni dalla prima volta. «Per me è un ritorno a casa, dopo l’edizione del 2006... un anno importante quello, mi sono anche sposata. Il taglio è quello dell’intrattenimento senza cadute di stile»...

 di

Mara Venier a «Domenica In»: «Sono felice perché torno a casa». L’intervista

La Signora della domenica sta per riprendere il «suo» posto. A vent’anni dalla prima volta. «Per me è un ritorno a casa, dopo l’edizione del 2006... un anno importante quello, mi sono anche sposata. Il taglio è quello dell’intrattenimento senza cadute di stile»...

24 Agosto 2013 | 07:32 di

La Signora della domenica sta per riprendere il «suo» posto. A vent’anni dalla prima volta e a sette dall’ultima. Mara Venier sarà alla guida della 38a edizione di «Domenica in»: appuntamento il 29 settembre su Raiuno. «Per me è un ritorno a casa, dopo l’edizione del 2006… un anno importante quello, mi sono anche sposata».

Oggi è più serena, più sicura di sé?
«Per carattere non sono mai stata sicura di me. L’emozione c’è, è come un debutto. La domenica è sempre stata nel mio cuore: mi ha dato tutto, successo, affetto e, perché negarlo, benessere economico. Sono felice ma anche preoccupata, le aspettative sono tante».

Ha detto che non si aspettava di essere chiamata: perché?
«Ho lasciato “La vita in diretta” dopo tre edizioni. L’ultimo anno è stato duro, per la fatica fisica ed emotiva, per i temi trattati. Il mio modo di condurre parte dal cuore, dalla pancia: mi aveva succhiato l’anima. Avevo paura a lasciare quel programma, che pure mi ha dato credibilità: all’orizzonte non c’era nulla».

Sa già che «Domenica in» sarà?
«Il taglio è quello dell’intrattenimento. Rigorosamente senza liti né cadute di stile. Celebreremo anche i 60 anni della Rai con i grandi personaggi della tv di ieri e di oggi e memorabili filmati di repertorio».

A proposito di personaggi: c’è stata polemica sull’annuncio di due super ospiti come Fiorello e Arbore, che poi hanno smentito…
«Ecco, ne approfitto per chiarire le cose. Fiorello, una persona per bene e molto corretta, oltre che un amico, due mesi fa in palestra mi aveva detto che una volta al mese avrebbe fatto per me la sua EdicolaFiore. Che poi ha avuto un enorme successo, per così dire gli è esplosa fra le mani. Legittimamente, ha cambiato idea, ammettendolo su Twitter».

E Renzo Arbore, invece?
«In un’intervista avevo semplicemente detto che mi avrebbe fatto piacere averlo come ospite. Tutto qui, nessuna richiesta ufficiale. Il signor Arbore ha invece parlato di una mia “bugia clamorosa”: un’uscita infelice e patetica la sua. Del resto pensare a lui, un signore quasi 80enne che ha fatto un pezzo di storia della tv, era naturale. Aggiungo – e non l’ho mai detto finora – che mi aveva telefonato per confermarmi la sua presenza. Poi…».

Quali saranno allora gli ospiti?
«A questo punto non faccio nomi, nemmeno sotto tortura!».

Galeazzi, Masciarelli, Giucas Casella, don Mazzi… Porterà con sé gli amici e opinionisti di sempre?
«Sono presenze che fanno parte del passato, sarebbe stupido riproporle, nonostante il loro valore. Forse inviterò “Bisteccone” per presentare il libro che sta ultimando, pieno di tanti e bei ricordi. E Giucas, chissà… Ma penso soprattutto a persone nuove. E giovani».

Altre anticipazioni?
«Il programma è ancora tutto da costruire, ma posso dire che ci sarà un’orchestrina che suonerà dal vivo».

Oggi in tv spopolano cucina, ricette, gare tra chef. In fondo lei con Vissani aveva precorso i tempi…
«No, state tranquilli, non cucineremo. Nessuna parentesi gastronomica. Io cucino solo a casa mia, per gli amici».

A «Domenica in» lei subentra a Lorella Cuccarini: vi siete sentite?
«Sinceramente no. Ma questo lavoro è fatto così, il passaggio di testimone è naturale. Del resto Paola Perego prenderà il mio posto a “La vita in diretta”. Forse sarò sua ospite nella prima puntata».

Sul web lei ha moltissimi fan e anche tanti detrattori. Segue i commenti? Ne tiene conto?
«Non sono su Facebook e su Twitter sono stata solo cinque giorni. Avevo 11 mila follower. Ma l’impegno era troppo. Comunque possono scrivere quello che vogliono…».