04 Ottobre 2016 | 19:05

Janis Joplin : l’omaggio di Sky Cinema

In onda sul canale 314 due documentari sulla grande cantante scomparsa 46 anni fa

 di Lorenzo Di Palma

Janis Joplin : l’omaggio di Sky Cinema

In onda sul canale 314 due documentari sulla grande cantante scomparsa 46 anni fa

Foto: Janis Joplin  - Credit: © Getty

04 Ottobre 2016 | 19:05 di Lorenzo Di Palma

Martedì 4 ottobre alle 21, a 46 anni dalla morte dell’icona del rock Janis Joplin, scomparsa tragicamente a soli 27 anni, Sky Cinema Cult (canale 314) la ricorda trasmettendo in prima visione il toccante documentario “Janis”.

In “Janis”, la regista Amy Berg e il produttore Alex Gibney ricostruiscono l’infanzia e la travagliata adolescenza della giovane artista, attraverso la corrispondenza con la sua famiglia e immagini d’archivio. Il documentario guarda oltre la Janis del rock ‘n roll, svelando dietro la leggenda una donna gentile, sensibile e al contempo potente, che con la sua breve, turbolenta ed epica esistenza, ha contribuito all'evoluzione del mondo della musica rock.

Nel documentario anche le lettere che Janis scriveva ai familiari, lette dalla voce di Gianna Nannini nella versione italiana e da Cat Power in quella originale

Ma, prima, nella stessa sera alle 20.10 andrà in onda anche “Janis Joplin – Nine Hundred Nights”, il documentario sui Big Brother and the Holding Company, la band che lanciò la carriera di Janis.

Janis Joplin ha avuto una carriera corta ma ricca di successi, ha vinto tre dischi d'oro: il primo con la Big Brother and the Holding Company per l'album "Cheap Thrills", il secondo come solista per "I Got Dem Ol' Kozmic Blues Again Mama" e il terzo, postumo, con "Pearl". Grazie al pezzo di Kris Kristofferson, "Me and Bobby McGee" riuscì anche, dopo la morte, a scalare la classifica dei singoli, nella quale, in vita, non era mai riuscita ad entrare. La critica, oggi, la considera all'unanimità una delle migliori interpreti bianche di blues di tutti i tempi. Il destino ha voluto che anche il suo ultimo brano si rivelasse una macabra profezia: "Buried alive in the blues", sepolta viva nel blues.