18 Luglio 2017 | 10:30

Rete 4: programmi di attualità, documentari e docureality per l’autunno 2017

Da «Quarto Grado» a «Quinta colonna» passando per «Donnavventura» e e l'Italia raccontata con gli occhi della famiglia di Al Bano

 di Giusy Cascio

Rete 4: programmi di attualità, documentari e docureality per l’autunno 2017

Da «Quarto Grado» a «Quinta colonna» passando per «Donnavventura» e e l'Italia raccontata con gli occhi della famiglia di Al Bano

Foto: Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero

18 Luglio 2017 | 10:30 di Giusy Cascio

La cronaca nera, la politica, i temi sociali e l’economia sono da sempre punti di forza del canale diretto da Sebastiano Lombardi. Tanto che alle corazzate di Rete 4 «Dalla vostra parte» con Maurizio Belpietro, «Quinta colonna» con Paolo Del Debbio, «Il terzo indizio» con Barbara De Rossi e «Quarto grado» con Gianluigi Nuzzi e Alessandra Viero, si aggiungerà una produzione originale, ancora senza titolo, con inchieste, servizi e reportage sui retroscena misteriosi dei più importanti fatti storici e di attualità.

Nuova di zecca è anche una serie di documentari realizzati per la prima volta interamente da Mediaset con il biologo e divulgatore scientifico Vincenzo Venuto, che su Rete 4 ha già condotto in passato «Alive» e «Life
Uomo e Natura».

Tra i docureality, è confermato quello sui viaggi al femminile «Donnavventura». Ormai è considerato uno dei «marchi» della rete, al pari di «Ricette all’italiana» presentato da Davide Mengacci e Michela Coppa, «Lo sportello di Forum» con Barbara Palombelli e «Parola di Pollice verde» condotto da Luca Sardella e dalla figlia Daniela.

Un’altra novità assoluta trasmessa in prima serata è la docufiction «Madre mia», che ha per protagonista Al Bano e racconta un secolo di storia del nostro Paese attraverso le testimonianze della famiglia Carrisi.

Per i telespettatori che sono abituati ad andare a dormire più tardi e in seconda serata hanno ancora voglia di approfondimento e informazione, tornano le grandi storie e le interviste di due prestigiose firme del giornalismo nostrano: Toni Capuozzo e il suo programma «Terra!» e Stella Pende con «Confessione reporter», ormai un piccolo classico. Infine, Alessia Ventura tornerà a condurre il suo «Grand Tour d’Italia», il viaggio attraverso le nostre eccellenze nel mondo dell’impresa, della cultura, dell’arte e dell’enogastronomia.