30 Maggio 2011 | 11:22

Paolo Brosio, vi racconto tutti i miracoli della «mia» Medjugorje

Questa sera su Rete 4 uno speciale per i 30 anni dell'apparizione della Madonna. «Ascolterete due dei veggenti che ogni giorno vedono la Vergine» anticipa a Sorrisi il giornalista. Che proprio in quel luogo sacro, nel 2008, ha trovato la pace...

 di

Paolo Brosio, vi racconto tutti i miracoli della «mia» Medjugorje

Questa sera su Rete 4 uno speciale per i 30 anni dell'apparizione della Madonna. «Ascolterete due dei veggenti che ogni giorno vedono la Vergine» anticipa a Sorrisi il giornalista. Che proprio in quel luogo sacro, nel 2008, ha trovato la pace...

Foto:

30 Maggio 2011 | 11:22 di

Paolo Brosio a Medjugorje, sulla collina delle apparizioni accanto alla statua della Madonna

Quasi 30 anni fa, esattamente il 24 giugno 1981, a Medjugorje, cittadina della Bosnia-Erzegovina nella ex Jugoslavia, a sei ragazzi fra i 10 e i 16 anni apparve la Madonna. Un incontro che da allora non si è mai interrotto. Nel dicembre del 2008 a Medjugorje è cambiata anche la vita del giornalista Paolo Brosio, che salendo sulla collina delle apparizioni ha trovato la fede. «Da allora» dice Brosio «questo luogo è per me meta di continui pellegrinaggi e in occasione della ricorrenza dei 30 anni da quel miracoloso evento il direttore di Rete 4, Giuseppe Feyles, mi ha offerto un’occasione straordinaria, una prima serata televisiva.

Questa sera Paolo Brosio presenta «Viaggio a Medjugorje», un programma scritto dallo stesso Brosio e da Anna Pagliano. «Si tratta» dice il giornalista «di una sorta di trasposizione televisiva dei miei due libri “A un passo dal baratro” e “Profumo di lavanda”, in cui ho raccontato del mio incontro con la fede e i miracoli della Gospa, come qui chiamano la Madonna». Brosio e una troupe diretta da Bernardo Nuti sono stati a Medjugorje una settimana per realizzare un reportage (prodotto dalla Real Life e Real Media Tv di Maurizio Rasio) della durata di oltre due ore girato sui luoghi delle apparizioni e arricchito dalle testimonianze di due dei veggenti ai quali, dal 1981, la Madonna appare ogni giorno alle 18.40.

«Sono Vicka e Mirijana» dice Brosio. «Dalla voce di quest’ultima ascolteremo anche il racconto dell’incontro che, ancora bambina, ebbe con la Madonna che le affidò una pergamena contenente i dieci segreti che saranno rivelati all’umanità e che solo lei può leggere». «Ma ci sono» continua Brosio «altre straordinarie testimonianze, quelle di chi è stato miracolato dalla Madonna di Medjugorje: la signora Diana Basile guarita dalla sclerosi multipla, il magazziniere ligure Bruno Marcello da un rarissimo tumore. E poi il contadino campano Pasquale Costantino, che prima di entrare in sala operatoria per un tumore al fegato ricevette dal figlio un fazzoletto intriso delle lacrime che sgorgano dalla statua del Cristo di Medjugorje: i medici non trovarono più il cancro da asportare. E ancora la napoletana Raffaella, guarita dalla cecità, e il piccolo Jeshua di appena due anni, ma già minato da una serie di tumori».

Su quest’ultimo caso Brosio parla di un altro piccolo miracolo: «Era il 2 luglio del 2009» ricorda «e salivo sulla collina delle apparizioni con in braccio il bambino. Un pellegrino di Agrigento, tempo dopo, mi ha fatto recapitare il filmato di quel momento. Sarà un’ulteriore testimonianza di quanto voglio comunicare ai telespettatori. Io ho personalmente, da giornalista, controllato ogni singolo caso, documentandomi e parlando con medici e specialisti e quanto ho visto e sentito è la prova di un intervento soprannaturale. Ringrazio di cuore il direttore Feyles per avermi dato l’opportunità di condividere con i telespettatori di Rete 4 questa mia esperienza. In tempi in cui la televisione cerca ascolti spesso con scelte e proposte di dubbio gusto questo programma è davvero una scommessa. Che speriamo di vincere».