Home TvReality e talentBarbara Palombelli a Forum: «Porterò in studio l’Italia più vera»

23 Agosto 2013 | 18:40

Barbara Palombelli a Forum: «Porterò in studio l’Italia più vera»

«Forum è lo specchio del Paese, la pancia degli italiani: un concentrato di rabbia, emozioni, storie. Sono veramente entusiasta di affrontare questa sfida». Distesa su uno scoglio di Alicudi, con i capelli scompigliati da una tempesta di vento che tormenta l’isoletta delle Eolie, Barbara Palombelli non nasconde la propria gioia per il fatto di ritrovarsi, […]

 di

Barbara Palombelli a Forum: «Porterò in studio l’Italia più vera»

«Forum è lo specchio del Paese, la pancia degli italiani: un concentrato di rabbia, emozioni, storie. Sono veramente entusiasta di affrontare questa sfida». Distesa su uno scoglio di Alicudi, con i capelli scompigliati da una tempesta di vento che tormenta l’isoletta delle Eolie, Barbara Palombelli non nasconde la propria gioia per il fatto di ritrovarsi, […]

Foto: AGF

23 Agosto 2013 | 18:40 di Redazione

«Forum è lo specchio del Paese, la pancia degli italiani: un concentrato di rabbia, emozioni, storie. Sono veramente entusiasta di affrontare questa sfida». Distesa su uno scoglio di Alicudi, con i capelli scompigliati da una tempesta di vento che tormenta l’isoletta delle Eolie, Barbara Palombelli non nasconde la propria gioia per il fatto di ritrovarsi, dal 9 settembre, al timone di «Forum», storico programma di Canale 5 appena ereditato da Rita Dalla Chiesa.

Barbara, quindi è stato un colpo di fortuna, il suo, non un «Obbedisco!»?
«Scherza? Ero proprio qui quando mi ha chiamata il direttore di rete Giancarlo Scheri per chiedermi se me la sentissi. Ho detto subito sì. “Forum” è una corazzata in onda da 28 anni, un programma che conoscono tutti perché ha dato il via al genere “tribunalizio”, oggi tanto di moda e stracopiato. È come “La settimana enigmistica”. Potevo non accettare?».

Lei lo vedeva?
«Sarò sincera: non molto spesso, per via degli orari incompatibili con il mio lavoro. Mia madre però me lo raccontava per filo e per segno».

Considera davvero «Forum» un programma di servizio?
«Faccio giornalismo da una vita e radio da 15 anni: credo di conoscere gli umori degli italiani. Niente è più vicino al Paese reale di questo programma, che parla di piccoli grandi problemi. La politica e il giornalismo che la racconta spesso li ignorano: ecco perché ormai sono a una distanza siderale dalla gente».

Con Rita Dalla Chiesa si è sentita?
«Siamo amiche, ci siamo fatte gli auguri reciproci. Se è andata a La7 seguendo il suo istinto, avrà di certo le sue ragioni».

Perché la scelta è caduta proprio su di lei?
«Dovrebbe chiederlo alla rete. Credo comunque che si fidino di me perché collaboriamo da anni e sanno come lavoro».

Si ipotizzano l’uscita dal cast del giudice Beatrice Dalia e l’arrivo di un volto noto, l’avvocato Nino Marazzita.
«Guardi, le giuro che non so niente: la prima riunione la faremo il 26 agosto, quando tutti gli interessati saranno tornati dalle ferie».

Ci dica almeno se la sua sarà una conduzione chic. La vedremo con una «toga» ton sur ton?
«Nooo… (ride). Mi considera davvero così raffinata? Guardi che non lo sono: a me piace la tv popolare. Ho seguito anche Sanremo e sono stata giurata a Miss Italia!».

C’è chi dice che «Forum» è un format così forte, che non è poi così importante chi lo conduce…
«In effetti, se ci fa caso quando un programma è forte anche i conduttori più strutturati possono stare un passo indietro. Io poi di norma faccio l’opinionista, e spesso mi ritrovo a polemizzare; qui, dove il clima è già caldo, bisognerà calmare gli animi. Comunque approfitto per chiarire che continuerò a lavorare anche a “Quarto grado”. L’appuntamento è il 6 settembre su Rete 4».

Cambieranno i temi trattati nel vostro tele-tribunale? Non mi dica che si parlerà anche di politica…
«Faccio un giornalismo attento alla realtà. Ci sono problemi come la scuola, la sanità, i rapporti genitori-figli: questa è politica? Non in senso stretto, forse, ma di fatto sì».

In passato si è discusso sul fatto che le storie di «Forum», anche se vere, vengono spesso interpretate da attori. Lei come si pone di fronte a ciò?
«Non mi stupisco: del resto oggi le docufiction sono ovunque, e spesso si rivelano molto efficaci per rappresentare la realtà, per spiegarla».

Rita Dalla Chiesa ha condotto il programma per 22 anni. Lei ha intenzione di superarla?
«Caspita, non saprei… Però, se consideriamo che molti colleghi giornalisti a 80 anni continuano a scrivere, potrei anche farcela, no?».