21 Luglio 2013 | 06:13

Carlo Conti in vacanza rivela le novità di «Tale e Quale Show» e del nuovo talent «C Factor»

Carlo Conti è in spiaggia con la moglie Francesca. Viaggio di nozze a parte, è la loro prima vacanza da sposati. ma se si parla di Conti, il copione non può non prevedere anche il lavoro. Il conduttore, infatti, si sta preparando alla prossima stagione tv...

 di

Carlo Conti in vacanza rivela le novità di «Tale e Quale Show» e del nuovo talent «C Factor»

Carlo Conti è in spiaggia con la moglie Francesca. Viaggio di nozze a parte, è la loro prima vacanza da sposati. ma se si parla di Conti, il copione non può non prevedere anche il lavoro. Il conduttore, infatti, si sta preparando alla prossima stagione tv...

21 Luglio 2013 | 06:13 di

Carlo Conti è in spiaggia, accanto alla bellissima moglie Francesca. Viaggio di nozze a parte, è la loro prima vacanza da sposati. Come da copione, c’è il mare, quello della Toscana, c’è il sole, ci sono gli amici di sempre, ci sono i ristorantini per le cene romantiche. ma se si parla di Carlo Conti, il copione non può non prevedere anche il lavoro. Il conduttore, infatti, si sta preparando a una partenza sprint per la prossima stagione tv.

Carlo, a settembre si ricomincia con «Tale e Quale Show».
«Sì, stiamo lavorando alla scelta del nuovo cast, sondando le disponibilità. Nella nuova edizione i protagonisti, per favore non chiamateli concorrenti, saranno dieci, due più dello scorso anno. Cinque uomini e cinque donne, e non è proprio facile».

Perché non è facile?
«Non basta saper cantare, bisogna avere la voglia di mettersi in gioco e soprattutto di impegnarsi. Quello che aspetta i protagonisti durante la settimana, tra una puntata e l’altra, è un lavoro molto duro, sia dal punto di vista delle trasformazioni per somigliare al personaggio interpretato, sia per quanto riguarda le capacità di imitazione vocale».

La giuria sarà la stessa?
«Sì, ritroveremo Christian De Sica, Loretta Goggi e Claudio Lippi, irresistibili».

Sempre a settembre riparte anche «L’eredità».
«Siamo arrivati alla nostra ottava edizione e sa come chiamano questo programma? La gallina dalle uova d’oro, visto quanto è corteggiato dagli inserzionisti pubblicitari».

Ci saranno novità?
«Piccole modifiche, come succede ogni anno. Una l’ho già sperimentata nelle ultime puntate andate in onda, la Superghigliottina. Poi modificheremo piccoli snodi. E sto pensando di rendere ancora più ricco di tensione il momento nel quale un concorrente punta il dito su un altro per sfidarlo e provare a eliminarlo».

Nel corso della prossima stagione condurrà una delle novità del palinsesto di Rai1, «C Factor».
«Già, non mi faccio proprio mancare niente. E pensare che è un’idea nata per scherzo chiacchierando con Gabriele Cirilli durante “Tale e Quale show”. Ci siamo chiesti: “Ma perché finora nessuno ha mai fatto un talent show sui comici?”. Perché è una enorme stupidaggine che non sta in piedi o semplicemente perché nessuno ci ha mai pensato prima? Speriamo che la risposta giusta sia la seconda!».

Può anticiparci come sarà?
«È un talent per chi ha una vena comica o pensa di averla. Una specie di “X Factor” o “The Voice” della comicità. I provini sono già iniziati. Ci sarà una giuria, e io dovrei farne parte, mentre il conduttore sarà Gabriele Cirilli. Tra dicembre e gennaio in prima serata su Raiuno andranno in onda tre o quattro puntate sperimentali. Il titolo completo sarà “C-Factor: non ci resta che ridere”».

E poi c’è l’uscita del libro…
«A settembre pubblicherò con Mondadori il mio terzo libro, “Cosa resterà dei migliori anni (piccolo dizionario della memoria)”. Un catalogo in chiave sentimentale di tutti gli oggetti cult e le mode degli Anni 70 – 90. Dai camperos al lucchetto al telefono, dai mini assegni alla Fiat 500, dalle palline click clack alle biglie con le foto dei ciclisti… Un modo per rivivere quegli anni».

A proposito, «I migliori anni» si prende una pausa.
«Già l’anno scorso avrei voluto farlo riposare, ma non ci sono riuscito. Quest’anno ci riprovo, l’intenzione è proprio quello di fermarlo un po’, anche perché di lavoro ne ho abbastanza!».

Ma ora si regala un periodo di relax: qual è la vacanza ideale per lei e sua moglie Francesca?
«Per fortuna su questo siamo in accordo: per una vacanza perfetta non possono mancare il mare, il sole, la spiaggia, il riposo. Al massimo un libro sotto l’ombrellone».

Dica la verità, anche in vacanza continua a lavorare.
«Vero, ma è sempre meglio lavorare al mare piuttosto che in un ufficio. Se lo ricorda Massimo Catalano (protagonista di «Quelli della notte», ndr) con le sue perle di saggezza?».

Però le piace anche pescare. I pesci che prende poi se li mangia?
«Magari! In realtà non prendo mai nulla. Vado a pesca da anni, ma con pessimi risultati. Però continua a piacermi».

Francesca condivide con lei anche questa passione?
«Macché. Oltretutto in genere vado alle sei di mattina, e lei giustamente preferisce dormire. Solo una volta sono riuscito a coinvolgerla, eravamo alle Maldive ed è venuta con me in barca. Ma invece di pescare, si è divertita a scattarmi delle foto mentre tentavo invano di prendere qualcosa. In realtà è bastata una foto sola, perché in ore e ore ho preso solo un pesce, un barracuda.Che poi ho ributtato in mare».

Ma come? Quello si poteva cucinare tranquillamente…
«Sì, ma la sua carne non è buona come quella delle nostre spigole o delle nostre orate. Vabbè, ora che ci penso in effetti l’avrei potuto fare fritto, e non ci si pensava più. Quindi, il prossimo pesce lo cucinerò così. Ma ce ne sarà almeno uno?».