24 Novembre 2014 | 09:00

Caterina Balivo torna in prima serata su Raidue con «Il più grande pasticcere»

I grandi golosi avranno di che saziare gli occhi. È in arrivo «Il più grande pasticcere», il nuovo programma che debutta su Raidue martedì 25 novembre. Padrona di casa, Caterina Balivo. Ma chi si aspetta la ricetta della torta di mele o della crostata di frutta si sbaglia. C’è molto di più.

 di

Caterina Balivo torna in prima serata su Raidue con «Il più grande pasticcere»

I grandi golosi avranno di che saziare gli occhi. È in arrivo «Il più grande pasticcere», il nuovo programma che debutta su Raidue martedì 25 novembre. Padrona di casa, Caterina Balivo. Ma chi si aspetta la ricetta della torta di mele o della crostata di frutta si sbaglia. C’è molto di più.

24 Novembre 2014 | 09:00 di

I grandi golosi avranno di che saziare gli occhi. È in arrivo «Il più grande pasticcere», il nuovo programma che debutta su Raidue martedì 25 novembre. Padrona di casa, Caterina Balivo. Ma chi si aspetta la ricetta della torta di mele o della crostata di frutta si sbaglia. C’è molto di più. «Questo è un talent di alta pasticceria» precisa la conduttrice, già in tv con «Detto Fatto» tutti i pomeriggi. «I concorrenti sono dieci, tutti di età inferiore ai 35 anni e vengono valutati da tre giudici di fama internazionale».

Un altro programma simile a «Dolci dopo il tiggì» di Antonella Clerici o «Bake Off» di Benedetta Parodi?
«In realtà no. Nel nostro talent non abbiamo a che fare con appassionati, ma con campioni del settore che hanno vinto anche premi internazionali. Le loro sono creazioni complesse e difficili».

Ci può fare qualche esempio?
«Ho visto un concorrente utilizzare decine di creme diverse per un suo dolce, e un altro che ha impiegato circa un’ora e mezzo solo per pesare gli ingredienti. Perché dietro una ricetta c’è anche uno studio chimico: un grammo in più o in meno può fare la differenza. E che dire dell’aspetto estetico? Certi dolci che vedrete sono vere e proprie sculture».

La pasticceria può essere vista come unarte…
«È così. E con questo talent viene rappresentata al suo massimo».

E lei ha il compito di fare gli onori di casa.
«Io dirigo il traffico. Questo è un programma corale in cui i veri protagonisti sono i concorrenti e i giudici. E a questo proposito aggiungo che in giuria ci sarà una sorpresa. Un quarto giudice che verrà svelato solo a trasmissione iniziata».

Ma lei a casa come se la cava con dolci e torte?
«Non vado oltre l’assaggio. Non ho molta passione per la cucina, a casa ci pensa mio marito e io mi limito a qualche piatto di pasta e magari a una crostata. Però questo programma mi ha insegnato a non lamentarmi per il prezzo di un cornetto fatto a regola d’arte. Oggi so quanto lavoro e quanta fatica c’è dietro il lavoro di pasticciere. Che è una bellissima professione».

Contenta di tornare in prima serata?
«Certo, ma grazie a “Detto Fatto” non ne sentivo molto la mancanza. Essere in tv tutti i giorni, con un programma di consigli pratici su moda, look, cucina, dove si impara a confezionare un abito o a trasformare vecchi capi d’abbigliamento, crea un legame speciale con il pubblico. È una cosa a cui non rinuncerei mai».

Anche per questo ha aperto un suo blog?
«Ho un’anima tecnologica e ho un mio blog, “Caterina’s secrets”, che aggiorno quotidianamente e con cui condivido la mia vita di donna che lavora e di mamma (suo figlio Guido Alberto ha due anni, ndr). È faticoso ma mi diverte molto. E rispondo sempre a tutti, anche agli inevitabili insulti. È il bello della rete: o la ami o la abbandoni».