21 Ottobre 2014 | 13:53

Donnavventura, il viaggio arriva a Saint Tropez: il racconto di Lorena

di Lorena Antonioni Dalla cabina del catamarano sono al livello del mare. Posso osservare le onde che si infrangono sugli scogli. Sta tramontando qui a Saint Tropez; sarà la nostra prima notte in rada, da qui vediamo la spiaggia di Pampelonne, nella baia di Cap Taillat. Un posto incantevole, con delle insenature dai colori cangianti. Lo […]

 di

Donnavventura, il viaggio arriva a Saint Tropez: il racconto di Lorena

di Lorena Antonioni Dalla cabina del catamarano sono al livello del mare. Posso osservare le onde che si infrangono sugli scogli. Sta tramontando qui a Saint Tropez; sarà la nostra prima notte in rada, da qui vediamo la spiaggia di Pampelonne, nella baia di Cap Taillat. Un posto incantevole, con delle insenature dai colori cangianti. Lo […]

21 Ottobre 2014 | 13:53 di

di Lorena Antonioni

Dalla cabina del catamarano sono al livello del mare. Posso osservare le onde che si infrangono sugli scogli. Sta tramontando qui a Saint Tropez; sarà la nostra prima notte in rada, da qui vediamo la spiaggia di Pampelonne, nella baia di Cap Taillat. Un posto incantevole, con delle insenature dai colori cangianti. Lo sguardo non incontra altro che natura. La bellezza è uno spettacolo a cui non ci si abitua mai. Ancora un bagno prima che il sole scenda. Ad una ad una ci buttiamo dalla prua della barca, l’impatto iniziale è sempre uno shock, l’acqua è fredda, ma senti il corpo che si risveglia dal torpore del sole preso durante il giorno.

Prima di tornare a bordo ci concediamo una passeggiata per le caratteristiche stradine di Saint Tropez, che dagli anni Sessanta è conosciuta a livello internazionale per le sue spiagge private, gli aperitif bar, i locali di prestigio e le ville di lusso, che l’hanno resa un punto di riferimento per il turismo d’elite. Nelle gallerie d’arte e sulle vetrine dei negozi immagini di lei, B.B, la mitica Brigitte Bardot, un mito vivente indissolubilmente legato al nome di questo posto così esclusivo e dall’atmosfera bohemiene. È arrivato il tender a prenderci, io mi volto indietro e scatto una foto ai pittori lungo il porticciolo, con le loro tele colorate e la pittura sulle mani, intenti a dipingere il tramonto perfetto. Saint Tropez è anche questo.

SCOPRI TUTTO IL REPORTAGE DI LORENA DI «DONNAVVENTURA»