Home TvReality e talentIlary Blasi, donna, mamma, iena: «Io a Canale 5? Sono soltanto chiacchiere…»

12 Maggio 2013 | 06:44

Ilary Blasi, donna, mamma, iena: «Io a Canale 5? Sono soltanto chiacchiere…»

Quando la domenica sera a «Le Iene» arriva Ilary Blasi, tutto si ferma. Fra la denuncia di una truffa, gli scherzi a qualche star e un’inchiesta sulla (im)preparazione dei parlamentari, Ilary scherza, balla e sorride. Non si scompone alle prese in giro di Mammucari...

 di

Ilary Blasi, donna, mamma, iena: «Io a Canale 5? Sono soltanto chiacchiere…»

Quando la domenica sera a «Le Iene» arriva Ilary Blasi, tutto si ferma. Fra la denuncia di una truffa, gli scherzi a qualche star e un’inchiesta sulla (im)preparazione dei parlamentari, Ilary scherza, balla e sorride. Non si scompone alle prese in giro di Mammucari...

Foto: Ilary Blasi

12 Maggio 2013 | 06:44 di Redazione

Quando la domenica sera a «Le Iene» arriva Ilary Blasi, a passo di danza e con un sorriso enorme e contagioso, i lunghi capelli biondi e le gambe lunghissime in miracoloso equilibrio su sandali vertiginosi, per un attimo tutto si ferma.

Fra la denuncia di una truffa, gli scherzi a qualche star sul tappeto rosso e un’inchiesta sulla (im)preparazione dei parlamentari, Ilary scherza, balla e sorride. Non si scompone alle prese in giro di Teo Mammucari. O se la Gialappa’s dice: «Ilary non è bella, ma è brava!». «Carina questa, ah ah!» risponde lei. Poi partono i servizi e le Iene tornano a occuparsi del Paese che funziona e, soprattutto, di quello che non funziona.

Ilary, per una volta faccia la iena «bianca». Ci dia una buona notizia.
«“Le Iene” si chiamano così apposta: andiamo a frugare fra truffe, abusi, violenze, poi cerchiamo di alleggerire, di far ridere, di condire con la leggerezza e gli scherzi. Una formula che dura da 15 anni, da ben prima che arrivassi io».

L’ultima buona notizia che ha sentito?
«Fra tante tragedie non ce ne sono molte… Solo due domeniche fa, prima della diretta, c’è stata la sparatoria davanti a Palazzo Chigi. Cosa posso dire? Che mia cugina aspetta il secondo bambino!».

Sette donne ministro non sono una buona notizia?
«Sì, sono a favore delle donne, penso che ci debba essere più spazio per loro».

Una donna Presidente della Repubblica?
«Da quando sono nata il Presidente è sempre stato un uomo, però perché no? ».

Quando hanno fatto il nome di Milena Gabanelli che cosa ha pensato?
«Che “Report” è un bellissimo programma. È chiaro che non me l’aspettavo. In generale mi piacerebbe una donna al Quirinale».

La domenica è proprio la Gabanelli la sua «rivale» in tv.
«Riesco a guardarla solo quando non andiamo in onda. Comunque all’estero sono più aperti sul ruolo delle donne, vedi la Merkel in Germania o Hillary Clinton. In Italia facciamo più fatica, anche la tv è maschilista, anche dietro le quinte ci sono poche donne».

C’è qualche donna in politica che ammira?
«Giorgia Meloni, è giovane e combattiva».

Il regista Gabriele Muccino ha scritto che «Le Iene» fanno quello che negli Usa fa la polizia o l’Fbi.
«Condivido. Soprattutto in questo periodo, quando vado in giro la gente mi ferma e mi chiede un contatto per “Le Iene”. Anni fa non mi arrivavano tutte queste segnalazioni. Piuttosto che andare alla polizia, chiedono a noi di denunciare ciò che non va».

Però Brignano ha confessato che dopo un anno a «Le Iene» non ce la faceva più: troppe tragedie.
«Allora ha fatto bene ad andare via. Io mi diverto ancora molto, è un programma di denuncia diverso, appassiona una fascia di età dai dieci agli ottant’anni. Io sono molto orgogliosa. E reggo benissimo».

Il servizio che l’ha più impressionata?
«Come mamma mi impressionano quelli dove ci sono i bambini. Quello sulla cura con le staminali o quelli sugli abusi e le violenze».

Quello più divertente?
«Pio e Amedeo con i cori ultrà per le star sono stati una rivelazione. E i servizi di Enrico Lucci sono sempre belli. Come quello dedicato a Gina Lollobrigida…».

Negli ultimi anni in tv ha cambiato vari compagni. Ora è al fianco di Teo Mammucari.
«Andiamo molto d’accordo. Lui improvvisa, è veloce, dinamico, ha la battuta pronta, gli piace fare scherzi. È entrato in punta di piedi nonostante sia più grande e abbia più esperienza di me».

Dicono che siete la coppia più affiatata della tv.
«Perché non sgomitiamo, ognuno ha il suo spazio. Ci sentiamo anche fuori dal lavoro, è come l’amicizia: o nasce o non nasce. In video si vede se è un amico o un socio di lavoro».

Dovevate condurre insieme il talent «Stasera mi tuffo», a giugno su Canale 5, poi è rimasto solo lui.
«L’ho fatto per rispetto. Non mi sembrava carino uscire da “Le Iene” dove siamo nati come coppia e dopo quindici giorni essere su Canale 5 a fare altro».

L’anno scorso era in pole position per condurre il «Grande Fratello».
«Quando partono le trasmissioni si fa sempre il toto-nomi, ma di concreto non c’è mai stato nulla».

Si parlava di lei anche a «Zelig».
«Solo toto-nomi».

Ma sette anni a «Le iene» sono tanti o pochi?
«Dipende da che punto si guarda. Luca e Paolo ci sono stati dieci anni. Pochi non sono. Ma nemmeno tanti, se ti diverti. Il segreto è la voglia di divertirsi. Con mio marito stiamo insieme da dieci anni…».

Suo marito, Francesco Totti, segue «Le Iene»?
«Sì, ci guarda, poi si fa una sua idea, da spettatore. Io, invece, sono andata poco allo stadio, la domenica sto a Milano, e poi non sono un’appassionata di calcio: seguo solo lui».

Beh, anche per Totti è un periodo d’oro.
«A settembre fa 37 anni, un’età in cui i calciatori sono a fine carriera. Invece lui è felice».

Quest’anno a «Le Iene» si sono inventati «Blasiful»: mostrano le sue vecchie immagini nei fotoromanzi.
«Io sono la prima a prendermi in giro ma alcune foto erano tremende. Capita, quando rivedi foto di dieci anni prima. Ti sembra tutto strano, l’abbigliamento, i capelli… Ero buffa».

Qual è oggi l’immagine di Ilary Blasi?
«Certo più donna. Quando sono arrivata avevo 25 anni, ora non sono più una “pischelletta” ma nemmeno una donna adulta. Sono un inizio-donna».

Eppure mostra corpetti, trasparenze, top esplosivi…
«Con i vestiti mi piace giocare, questo è un programma dinamico e veloce, ci sta mettersi il tubino e ogni tanto una trasparenza».

Fra un anno scade il suo contratto a Mediaset.
«In questo momento non c’è null’altro, tengo stretto quello che ho e che mi piace molto. E poi non è che ci sia tutta questa scelta…».

Quindi «Le Iene» anche il prossimo anno?
«Spero di sì».

Cosa fa Ilary quando non è in onda?
«La mamma a tempo pieno. Fra poco vado a prendere i bambini a scuola, poi piscina, poi calcio, poi compiti…».

Lei a tre anni faceva le pubblicità. Manderebbe sua figlia sul set?
«No, adesso no, ha già due genitori abbastanza ingombranti. I figli possono stare a casa. Quando sarà grande deciderà lei».