Home TvReality e talent«Jump! Stasera mi tuffo», guida al nuovo talent di Canale 5 condotto da Teo Mammucari

12 Giugno 2013 | 17:26

«Jump! Stasera mi tuffo», guida al nuovo talent di Canale 5 condotto da Teo Mammucari

Vi spieghiamo nel dettaglio come si svolgerà la gara del nuovo talent show di Canale 5, condotto da Teo Mammucari. In giuria anche Paolo Bonolis che darà un voto all'approccio e alla resa dei concorrenti

 di

«Jump! Stasera mi tuffo», guida al nuovo talent di Canale 5 condotto da Teo Mammucari

Vi spieghiamo nel dettaglio come si svolgerà la gara del nuovo talent show di Canale 5, condotto da Teo Mammucari. In giuria anche Paolo Bonolis che darà un voto all'approccio e alla resa dei concorrenti

Foto: foto Iwan Palombi

12 Giugno 2013 | 17:26 di Redazione

A poche ore dal debutto, vi spieghiamo nel dettaglio come si svolgerà la gara di «Jump! Stasera mi tuffo», il nuovo talent show di Canale 5, condotto da Teo Mammucari, che viene annunciato come «il primo programma italiano in cui si vede una gara di tuffi atletici eseguiti secondo criteri agonistici da un gruppo di personaggi famosi».

Il format
Il programma originale s’intitola «Stars In Danger» («Stelle in pericolo»): messo a punto dal gruppo tedesco Brainpool nel 2004, è stato esportato in molti Paesi tra cui Stati Uniti, Spagna, Norvegia, Cina e Canada.

Versione italiana
Da noi arriva con numerose modifiche: la più evidente è che accanto alle celebrità ci sono anche concorrenti non famosi.

La vasca
Gli allenamenti e le gare si svolgono nella piscina del Foro Italico a Roma, la stessa utilizzata per i Mondiali di nuoto nel 2009.

Gli allenatori
Sono i tecnici della Federazione Italiana Nuoto, guidati da Oscar Bertone. Al suo fianco Massimiliano Mazzucchi, Italo Salice e Nicola Marconi, che allenano la Nazionale tuffi.

I concorrenti
Star e persone comuni si sono allenate per tre ore al giorno da metà maggio. L’obiettivo del talent è spingerli a sfidare i propri limiti e a vincere le proprie paure. I vip in gara sono Anna Falchi, Maddalena Corvaglia, Stefano Bettarini, Enzo Salvi, Nadia Rinaldi, Bruno Cabrerizo, Ciccio Valenti e Cecilia Capriotti.

Selezione
Tutti i concorrenti sono equiparati ad atleti agonisti. Per questo sono sottoposti a visite mediche specifiche con medici sportivi federali. Di ognuno è certificata l’idoneità all’attività agonistica.

Tuffatori vip e non
Durante la prima puntata agli otto tuffatori vip vengono abbianti altrettanti tuffatori comuni. Il concorrente famoso non ha mai incontrato prima il suo collega non famoso. Le coppie che si formano nella prima puntata saranno le stesse fino all’ultima.

La gara
Nella prima puntata gli otto vip eseguono il loro tuffo. In base ai voti della giuria i primi quattro classificati passano di diritto alla seconda puntata. Gli altri quattro si sfidano di nuovo. Questa volta, con il concorrente non famoso a loro abbinato, dovranno eseguire un tuffo sincronizzato mai provasto prima. Dopo il voto viene stilata una nuova classifica: il primo passa direttamente alla puntata successivva, gli altri tre vengono giudicati dal pubblico presente che vota con un apposito telecomando. L’ultimo classificato viene eliminato.

Voti
Ciascuno dei cinque membri della giuria dà un punteggio da 1 a 10 (senza mezzi voti).

Giuria
Giorgio Cagnotto, grande campione italiano di tuffi (vincitore di due medaglie d’argento e di bronzo alle Olimpiadi, ora allenatore della figlia Tania) è l’esperto tecnico. Alessia Filippi, ex nuotatrice campionessa olimpica di stile libero, giudica la preparazione e lo sforzo atletico. Il manager sportivo è Anna Paola Concia, ex deputata e laureata in Scienze motorie. Maurizio Pulmulli, alisas Mr. Ok, che per 25 anni ogni primo gennaio si è tuffato a volo nel Tevere da Ponte Cavour a Roma, valuta il coraggio. Paolo Bonolis giudica l’approccio e la resa complessiva dei concorrenti, dalla presentazione al momento del tuffo.

I tuffi
La difficoltà dei tuffi aumenta di puntata in puntata. Nella prima si può scegliere fra il trampolino di un metro e quello di tre metri. Nella seconda si può osare il tuffo da cinque metri, nella terza quello da 7,5 metri e nella quarta e ultima si possono affrontare i 10 metri.

La sigla
Viene ballata dal vivo sulle note di «Jump» dei Van Halen. La coreografia, a cura di Marco Garofalo (ex insegnante di Amici) è ispirata ai tuffi e ai movimenti del nuoto sincronizzato.