13 Gennaio 2013 | 14:37

Le Iene Show, a tu per tu con Ilary Blasi, Teo Mammucari e la Gialappa’s Band

Dopo tanta attesa parte su Italia 1 la nuova stagione dello show più temuto e corrosivo della tv. Accanto a Ilary Blasy arrivano Teo Mammucari e la Gialappa. Sono loro a raccontarci le novità del programma di Davide Parenti, in onda da stasera su Italia 1...

 di

Le Iene Show, a tu per tu con Ilary Blasi, Teo Mammucari e la Gialappa’s Band

Dopo tanta attesa parte su Italia 1 la nuova stagione dello show più temuto e corrosivo della tv. Accanto a Ilary Blasy arrivano Teo Mammucari e la Gialappa. Sono loro a raccontarci le novità del programma di Davide Parenti, in onda da stasera su Italia 1...

Foto: Le Iene Show 2013

13 Gennaio 2013 | 14:37 di

Teo Mammucari

Come mai torna a «Le Iene»?
«Come mai solo ora! Io ho iniziato con questo programma, che ha fatto la mia fortuna, e per me è un gradito ritorno. Anche perché, sinceramente, chi c’è in giro più iena di me?».

Cosa farà tra Ilary Blasi e la Gialappa?
«Farò Mammucari. Certo, chi lavora con la Gialappa può essere un po’ massacrato, ma chi la fa l’aspetti. Con Ilary è stato amore a prima vista e non me ne voglia il capitano».

Com’è arrivato alle Iene 14 anni fa?
«In quei tempi nelle serate mi esibivo con una mia versione della “supercazzola”. Quelli delle Iene la videro e mi chiesero di riproporla da loro».

Il servizio più «ienesco» di tutti qual è stato?
«Quello di Sabrina Nobile davanti al Parlamento. Ai politici chiedeva “Cos’è il Darfur?”, “Quando è stata scoperta l’America?”. Nessuno lo sapeva. Lì ho capito che anch’io potrei fare il politico».

Perché poi se ne andò?
«Mi offrirono di fare “Libero” su Raidue e per me, che a malapena riuscivo a pagare l’affitto, erano una sacco di soldi. A “Le Iene”, si sa, son tanto cari ma non c’hanno una lira».

Però è rimasto sempre un po’ iena?
«In effetti l’abito scuro non l’ho mai tolto».

Per citare il titolo di un suo programma: «Chi ha paura di Teo Mammucari»?
«Mi rendo conto di avere una fama da cattivo della televisione, però garantisco che quest’anno a “Le Iene” potrò fare anche di peggio».

Gialappas’ Band

Perché avete deciso di fare «Le Iene»?
«In realtà non è una grande novità, l’abbiamo già fatto due volte, con “Mai dire Iene” nel 2004 assieme a Forest e alla Marcuzzi, e poi nel 2007 con “Mai dire Candid” con Ilary Blasi e gli autori delle Iene».

E ora che cosa cambia?
«Prima ci portavamo dietro i nostri comici, ora siamo co-conduttori. Sarà una partecipazione meno invasiva, si limiterà alle voci».

La Gialappa in formato Gialappa.
«Sicuramente non balleremo. Faremo da spalla ai conduttori come in tutti i nostri programmi. Da 25 anni facciamo questa cosa, niente di rivoluzionario».

Dove vi apposterete?
«Fisicamente stiano in un “gabbiotto” con tanti monitor ai margini dello studio».

Fra voi tre chi è più iena?
«Dipende. Siamo in tre anche per questo: ci suddividiamo la “ienaggine”».

Quando e con chi siete stati più iene?
«Sicuramente quello che si è arrabbiato di più è stato Trapattoni. Quando mettemmo in evidenza che parlava in maniera abbastanza assurda, con tutti quelli strafalcioni e quegli strani modi di dire, i giocatori iniziarono a ridergli in faccia. Lui se la prese parecchio».

Ilary Blasi

Ma non doveva lasciare «Le Iene»?
«E invece resto, ce ne vuole a mandarmi via!»

Che cosa l’ha trattenuta?
«La domanda è diversa».

E com’è?
«Come potevo andarmene? Faccio il programma più fico, mi diverto ancora dopo sette anni e guardandomi in giro non vedo programmi più belli».

Che cosa ha fatto negli ultimi mesi in attesa della partenza del programma?
«Ho fatto la mamma a tempo pieno, che poi è il lavoro più faticoso».

Nuova edizione, nuovi compagni.
«Da tre anni in tv cambio spesso partner, sono abituata. I cambiamenti fanno bene, sono stimolanti».

Che cosa ci sarà di nuovo in Ilary?
«Ilary è così, quella che vedete. In studio saremo io e Teo Mammucari, poi ci saranno le voci fuori campo della Gialappa. Sarò il tramite tra di loro. Probabilmente sarò anche la loro punching-ball».

Nessun timore?
«Io vengo da una bella palestra. Dopo anni e anni con Luca e Paolo non ho più paura di nessuno. Per indole in fondo mi piace essere presa in giro. E fare scherzi».

E con gli scherzi di Mammucari come la mette?
«Lo sto conoscendo è entusiasta ed euforico. Vediamo che cosa si aspetta lui da me, in fondo è lui che viene a casa mia!».

È pronta, insomma.
«Sì, sono molto carica. Non sono in televisione ormai da maggio dell’anno scorso e ho voglia di ricominciare. Questa formula mi incuriosisce molto. Il resto lo scoprirò andando in onda».