11 Ottobre 2017 | 23:59

«Pechino Express 2017»: nessun eliminato nella sesta puntata

I #modaioli di nuovo primi. I #compositori e gli #amici a rischio eliminazione, si sfideranno all’inizio della prossima puntata

 di Lorenzo Di Palma

«Pechino Express 2017»: nessun eliminato nella sesta puntata

I #modaioli di nuovo primi. I #compositori e gli #amici a rischio eliminazione, si sfideranno all’inizio della prossima puntata

Foto: I #compositori e gli #amici, a rischio eliminazione  - Credit: © Rai

11 Ottobre 2017 | 23:59 di Lorenzo Di Palma

Non c’è nessun eliminato alla fine della sesta tappa, la seconda a Taiwan, dell’adventure game di Pechino Express, andata in onda mercoledì 11 ottobre, in prima serata su Rai 2. Ma la “resa dei conti” è solo rimandata all’inizio della prossima puntata, quando le ultime due coppie arrivate al traguardo finale, i #compositori, Achille Lauro ed Eduardo Boss Doms, e gli #amici, Guglielmo Scilla e Alice Venturi, si sfideranno a una prova speciale che deciderà chi tra loro continuerà il viaggio “Verso il Sol Levante” e chi tornerà a casa.

Così hanno deciso i #modaioli, ovvero Marcelo Burlon e Michele Lamanna, di nuovo vincitori della puntata ai quali la busta speciale d’oro (e non nera come al solito) aperta a fine puntata ha affidato il compito di scegliere tra l’eliminazione diretta e, appunto, la sfida tra le due coppie arrivate per ultime. Con questa nuova vittoria i #modaioli si confermano una delle coppie più agguerrite e affiatate: di solito fra loro si chiamano “Ama”, ma in questa puntata non sono mancati i litigi fra di loro, dovuti per lo più alla pressione della gara, risolti però dopo parecchi epiteti con un abbraccio.

La gara è stata comunque dura: 257 chilometri da Tainan, capitale durante il periodo imperiale dell’isola di Taiwan, oggi famosa per i suoi templi, i palazzi storici e gli snack, per arrivare al traguardo finale di Lukang, città che conta meno di 30mila abitanti dediti prevalentemente all’artigianato. Con un traguardo intermedio al Sun Moon Lake, il più grande lago naturale dell’isola di Taiwan, dove si è svolta la “prova ricompensa”.

La puntata è stata avviata da una gara di bellezza tra i concorrenti in gara, che si sono confrontati con una giuria locale. Che ha dimostrato come il giudizio estetico cambi a secondo della cultura locale, come ha spiegato Costantino delle Gherardesca. Alla fine ha vinto Jill Cooper delle #caporali e i #compositori sono riusciti comunque ad arrivare ultimi. Ma siamo a Pechino Express e Costantino spiegando che i “belli sono già stati premiati dalla natura” ha ribaltato la classifica: partono prima i “brutti”.

Ai #maschi, Francesco Arca e Rocco Giusti, arrivati ultimi la scorsa puntata, tocca portarsi dietro per gran parte della tappa Mei, minuta campionessa nel fagocitare ravioli, dotata di una fame insospettabile. Alla fine però il presunto “handicap”, che parlava naturalmente la lingua locale, li ha aiutati e non finire come quasi sempre è successo, nelle ultime posizioni.

La novità più grande della puntata però è stata però che i concorrenti, per la prima volta nella storia del programma, hanno avuto “potere di acquisto”. Ovvero soldi da spendere. Al mercato per comprare cinque varietà di cibo da strada, vanto di Taiwan, e poi altri soldi da investire a da far fruttare perché, come ha ricordato Costantino della Gherardesca, la piccola isola è una delle capitali del business, la quinta economia dell’Asia.

Le sei coppie in gioco per fare “business” con i soldi avuti in affidamento le hanno pensate tutte. Gli #amici, per esempio, hanno venduto “selfie”, i #maschi una discutibile “carbonara”, i #compositori una banale macedonia spacciata come “italian food” e le #clubber, Ema Stokholma e Valentina Pegorer, in costume da bagno si sono date ad un ammiccante lavaggio macchine. Alla fine però la prova è stata vinta dalle #caporali, Antonella Elia e Jill Cooper, che partite dall’idea di fare una sorta di spettacolo di strada, hanno guadagnato di più rivendendo dei semplici dolcetti comprati all’ingrosso. Per loro il premio è stata una notte in hotel e la possibilità di spendere il resto dei soldi.   

Le prime tre coppie arrivate al traguardo intermedio di Sun Moon Lake - gli #amici, le #clubber e i #modaioli - si sono sfidate tra le acque del lago e il bosco al “triathlon di Pechino Express”, che comprendeva anche una gara di kayak e di bici d’acqua. I #modaioli scatenati hanno vinto anche questa prova, ma hanno dovuto dare tutto, Marcelo, in preda dei conati a fine gara, “anche la colazione”, come ha detto Scilla.