26 Ottobre 2015 | 16:50

Torna Il più grande pasticcere, il talent show di Raidue

Sei puntate piene di gusto con tre maestri dell'alta pasticceria: Roberto Rinaldini, Luigi Biasetto e Leonardo Di Carlo. Ecco tutte le informazioni sulla sfida più dolce della Rai

 di Giulia Ciavarelli

Torna Il più grande pasticcere, il talent show di Raidue

Sei puntate piene di gusto con tre maestri dell'alta pasticceria: Roberto Rinaldini, Luigi Biasetto e Leonardo Di Carlo. Ecco tutte le informazioni sulla sfida più dolce della Rai

 - Credit: © Redazione

26 Ottobre 2015 | 16:50 di Giulia Ciavarelli | Guida Tv: Stasera in Tv

Dal 27 ottobre su Rai2 riapre l'Accademia più dolce d'Italia per una seconda edizione totalmente nuova de Il più grande pasticcere prodotto da Toro Media. Tecnica, determinazione e tenacia sono le caratteristiche dei ben trenta candidati che aspirano a conquistare un posto nel mondo della pasticceria.

«Giudichiamo i professionisti: è questa la differenza con il resto dei talent» - spiega Roberto Rinaldini, uno dei maestri che avranno il compito di giudicare ma anche insegnare i segreti della pasticceria - «Non sono cattivo ma esigente. Voglio che i giovani dimostrino la voglia di emergere, la tenacia, ma soprattutto devono dare prova a loro stessi che possono intraprendere questo mestiere con professionalità». C'è la volontà di far arrivare un messaggio positivo al pubblico ma anche di riprendere e spiegare le antiche tradizioni della pasticceria italiana. Ad accompagnare il severo Rinaldini, ci sarà Luigi Biasetto, Leonardo Di Carlo e, nelle prove in esterna, il maestro Iginio Massari.

«Ci sono due elementi che fanno parte del programma: l'estetica, poiché i ragazzi hanno alle spalle una storia professionale e costruiscono dei veri lavori artigianali, davvero belli. Ma anche l'etica, perchè al centro c'è un rapporto alla base della vita, quello tra maestro e discepolo. Soprattutto, Il più grande pasticcere è un programma meritocratico: se sei bravo, vai avanti».


La novità di questa edizione è anche la non-conduzione: «Abbiamo una voce narrante femminile che accompagna in maniera più accattivante le sei puntate del talent. La gara coinvolgerà molto di più sia i giudici sia i concorrenti. Il montaggio ne ha trovato beneficio, è tutto amalgamato alla perfezione». Il meccanismo è semplice: i trenta candidati si cimenteranno in prove ad eliminazione diretta e i giudici sceglieranno solo dieci di loro, ritenuti i migliori e idonei per l'Accademia. In ciascuna puntata, i pasticceri si sottoporranno a tre prove culinarie di pasticceria: una prima nella quale dovranno preparare un dolce secondo il tema scelto, la seconda sarà in esterna, mentre la terza è la gara di abilità per i pasticceri peggiori delle prime due prove.

L'appuntamento è per martedì 27 ottobre, dalle 21.10 su Rai2