Home TvSerie tvLast Cop, torna il poliziotto macho Mick Brisgau. E intanto Stallone pensa al remake americano

03 Luglio 2013 | 19:46

Last Cop, torna il poliziotto macho Mick Brisgau. E intanto Stallone pensa al remake americano

L'ultimo sbirro è tornato in città: fenomeno a sorpresa della scorsa estate in tv (con una media d'ascolto di circa 3 milioni di spettatori a episodio), «Last Cop» riappare finalmente in tv anche in Italia...

 di

Last Cop, torna il poliziotto macho Mick Brisgau. E intanto Stallone pensa al remake americano

L'ultimo sbirro è tornato in città: fenomeno a sorpresa della scorsa estate in tv (con una media d'ascolto di circa 3 milioni di spettatori a episodio), «Last Cop» riappare finalmente in tv anche in Italia...

03 Luglio 2013 | 19:46 di Redazione

L’ultimo sbirro è tornato in città: fenomeno a sorpresa della scorsa estate in tv (con circa 3 milioni di spettatori a episodio), «Last Cop» riappare finalmente sul piccolo schermo anche in Italia, con gli inediti della seconda stagione.

Il protagonista, ovviamente, è sempre lui: Mick Brisgau, il poliziotto «macho» caduto in un profondo coma alla fine degli Anni 80 e risvegliatosi nella Germania di oggi, dove ha ripreso il lavoro di detective per la polizia criminale. Accanto a Brisgau, interpretato da Henning Baum, ritroviamo il partner Andreas, la boss Tanja e l’ex moglie Lisa, così sconvolta dal risveglio del marito da aver abbandonato all’altare, negli episodi già trasmessi, un nuovo promesso sposo.

Si riparte, quindi, dal 3 luglio, con due episodi mai visti in Italia: il primo è incentrato sull’omicidio di una fotografa di cronaca mondana, nel secondo Mick e la sua squadra indagano sulla misteriosa amnesia che ha colpito la vedova di un uomo assassinato.

Ma il bello deve ancora venire: nelle prossime settimane infatti andrà in onda il vero finale della seconda stagione originale, un episodio tesissimo in cui la vita di uno dei personaggi principali verrà messa seriamente a repentaglio. Non vi riveliamo di più per non rovinarvi la sorpresa.

Nel frattempo, in Germania il telefilm continua ad avere un buon successo: è di pochi giorni fa la notizia che «Der letzte Bulle» (questo il titolo originale: «L’ultimo toro») continuerà ad appassionare il popolo tedesco per il quinto anno consecutivo. Contando che in patria sono andati in onda già 52 episodi e in Italia soltanto 21, i fan della serie possono stare tranquilli: le storie di Brisgau e della sua squadra andranno avanti per un bel pezzo.

E dopo aver spinto gli spettatori italiani a rivedere i propri pregiudizi sulla tv tedesca, con una qualità e un senso dell’umorismo degni di molti «cugini» statunitensi, era inevitabile che qualcuno, oltreoceano, odorasse l’affare e pensasse a un remake americano.

Ci ha pensato un vero divo di Hollywood, niente meno che Sylvester Stallone: è stato proprio la star della saga di «Rocky» ad annunciare la produzione di un «pilota», l’episodio «test» che è il primo banco di prova per una serie. Se tutto andrà per il meglio, la vedremo in tv tra qualche mese.

Per la versione americana, ovviamente, le cose cambieranno parecchio: il nome del detective sarà Mick Branigan e l’azione si sposterà dalla teutonica Essen alla più modaiola Los Angeles. Ma il succo è lo stesso. Giochiamo al casting immaginario per il ruolo di protagonista, un «duro» che viene dal passato: e se fosse lo stesso Stallone? Non vediamo l’ora di scoprirlo.