02 Novembre 2010 | 00:12

Su Espn Classic «Il 16° uomo», il docufilm di Morgan Freeman sui Mondiali di rugby del 1995

I film-documentari della serie «30 per 30» sbarcano su ESPN Classic in inglese con i sottotitoli in italiano. Da novembre fino a marzo andranno in onda sul canale 216 di Sky, uno al mese, i migliori film della serie. Si comincia con «Il 16° Uomo», film di Clifford Bestal prodotto da Morgan Freeman (Premio Oscar […]

 di

Su Espn Classic «Il 16° uomo», il docufilm di Morgan Freeman sui Mondiali di rugby del 1995

I film-documentari della serie «30 per 30» sbarcano su ESPN Classic in inglese con i sottotitoli in italiano. Da novembre fino a marzo andranno in onda sul canale 216 di Sky, uno al mese, i migliori film della serie. Si comincia con «Il 16° Uomo», film di Clifford Bestal prodotto da Morgan Freeman (Premio Oscar […]

02 Novembre 2010 | 00:12 di

24 giugno 1995: Nelson Mandela premia Francois Pienaar, capitano della Nazionale sudafricana di rugby

I film-documentari della serie «30 per 30» sbarcano su ESPN Classic in inglese con i sottotitoli in italiano. Da novembre fino a marzo andranno in onda sul canale 216 di Sky, uno al mese, i migliori film della serie. Si comincia con «Il 16° Uomo», film di Clifford Bestal prodotto da Morgan Freeman (Premio Oscar come miglior attore non protagonista in «Million Dollar Baby»).

Presentato in anteprima assoluta lo scorso 29 ottobre al festival milanese «Sport Movies & Tv», dove è stato premiato con la «Guirlande d’Honneur», il film sarà trasmesso in prima visione su ESPN Classic venerdì 5 novembre alle ore 22.00. Sotto la lente di ingrandimento il Mondiale di rugby del 1995. Più di un semplice evento sportivo, quell’edizione iridata fu l’occasione per il Sudafrica, Paese ospitante, di velocizzare quel processo di integrazione razziale tra bianchi e neri, iniziato nel 1994 con l’abolizione dell’apartheid. Decisivo in questo processo di cambiamento il contributo del leader Nelson Mandela.

Attraverso immagini di repertorio e interviste con gli allora giocatori della Nazionale sudafricana (primo tra tutti il capitano François Pienaar), il film si sofferma non solo sulla vittoria degli Springboks, capaci di sconfiggere in finale i temibili All Blacks neozelandesi, ma anche sulle conseguenze che quel trionfo produsse sulla vita civile del Paese.