Home TvVideogiochiDestiny 2, le battaglie online in multiplayer

26 Settembre 2017 | 17:53

Destiny 2, le battaglie online in multiplayer

Torna con una versione riveduta e corretta lo sparatutto sci-fi da giocare per mesi insieme ai vostri amici

 di Marco Gamer

Destiny 2, le battaglie online in multiplayer

Torna con una versione riveduta e corretta lo sparatutto sci-fi da giocare per mesi insieme ai vostri amici

Foto: Destiny 2  - Credit: © Activision

26 Settembre 2017 | 17:53 di Marco Gamer

Il primo Destiny ci ha raccontato di un futuro desolato, in cui il genere umano sopravvive nell’ultimo baluardo rimasto sulla faccia della Terra. E solo perché è protetto dal Viaggiatore, un’entità sferica che si è misteriosamente piazzata sopra la città e ha protetto e guidato i Guardiani nella loro lotta contro le tenebre e l’Oscurità. A tre anni dall’uscita del primo Destiny e dopo che oltre 35 milioni di giocatori in tutto il mondo hanno combattuto per le mappe del gioco, arriva l'inevitabile seguito. Vale la pena installarlo sulla vostra console?

La situazione

Disperata. Nei primi minuti di gioco scoprirete che una fazione dei Cabal, la Legione Rossa, ha sferrato un inaspettato attacco al Viaggiatore e all’ultima città abitabile sulla Terra. Demoralizzati, divisi e senza una guida, i Guardiani cercano di rinsaldare le fila e arginare l’avanzata dei Cabal. Un tracollo necessario, un espediente narrativo per fare tabula rasa e far ricominciare tutti i giocatori da zero, per un nuovo capitolo nel mondo di Destiny.

Il single player

Il primo Destiny era un gioco esclusivamente online: c’era una introduzione da giocare anche da soli, ma era un mero addestramento per il gioco online in coop (insieme agli amici contro i nemici controllati dalla console) oppure per quello competitivo (contro altri giocatori in carne e ossa). Il successo di Destiny non si discute, ma siamo felici di aver trovato nel nuovo capitolo una campagna single player che dura sei-otto ore e che fa da gigantesca introduzione al nuovo mondo di gioco. Durante queste missioni prenderete confidenza non solo con le armi e le abilità del vostro personaggio – ci sono tre classi, ognuna delle quali può specializzarsi in tecniche di combattimento, occultazione e poteri assortiti – ma anche con l’ambientazione del gioco, che è particolarmente ricca e spettacolare. D’altra parte, i due Destiny sono stati creati dal team che ha “inventato” il fortunatissimo franchise Xbox di Halo.

Il risultato è uno sparatutto single player solido, vario e coinvolgente, anche se – in single player – forse un po’ troppo semplice. Ricorda molto Halo, ma anche l’altrettanto eccellente Borderlands. Missione dopo missione, Destiny 2 inizia a mostrare la sua anima multiplayer. Le due modalità sono “fuse” tra loro e passerete dalla prima alla seconda senza neanche accorgervene: durante le vostre scorribande in single player inizierete a vedere altri giocatori che combattono al vostro fianco e magari vi aiutano. Senza quasi accorgervene, arriverete al piatto forte: il multiplayer vero e proprio.

Insieme, c’è più gusto

Destiny 2 è un gioco che potrà catturarvi per mesi, addirittura anni, esattamente come il suo predecessore, proprio grazie al multiplayer cooperativo e competitivo. Essenzialmente, esistono due modalità: la prima è quella che si gioca con degli amici contro gli avversari gestiti dalla console. È molto simile, concettualmente, al single player ma si gioca insieme ad altri giocatori umani: è uno spasso parlarsi con cuffiette e microfono, mettersi d’accordo per elaborare un piano per uscire da una situazione difficile, oppure inventarsi una strategia di gruppo per battere dei nemici particolarmente ostici. Il bello è che in alcune modalità vi ritroverete a giocare anche con perfetti sconosciuti, ma con il vostro stesso obiettivo. Le tre classi (con relative specializzazioni) sono complementari: non cadete nell’errore di andare a combattere usando tutti quanti la classe Titano, il “guerriero” di questo universo, perché la vostra avventura finirà molto presto e molto male. È quasi come un gioco di ruolo dove i personaggi hanno un livello di Potere, che cresce grazie all’esperienza e all'equipaggiamento che troverete come ricompensa alla fine delle varie missioni.

L’altra metà del cielo di Destiny sono i combattimenti "competitivi" contro altri giocatori: Destiny 2 si concentra su combattimenti con pochi giocatori e in squadra (4 contro 4). In controtendenza con altri videogame multiplayer – come Star Wars Battlefront, per esempio, che  permette arene da 64 giocatori - Destiny 2 punta sull’essenza della squadra come punto di forza principale, arrivando ad eliminare completamente l’esperienza del Tutti Contro Tutti (tipica di Call of Duty). Il risultato è  uno scontro online più tattico e più studiato: è facile creare un gruppo di quattro amici e poi ritrovarsi come team per sfidare altri umani in battaglie dove ogni giocatore è fondamentale per la vittoria o la sconfitta. Ulteriore novità di Destiny 2 è (finalmente!) il tanto atteso supporto per i Clan, gruppi di giocatori che decidono di percorre insieme la lunga strada della liberazione del Sistema Solare attraverso missioni, assalti, eventi pubblici e le eccezionali Incursioni.

Comprare Destiny 2 solo per la campagna single player da sei ore non ha molto senso: non perché non valga i soldi – parecchi FPS solo single player durano poco di più e hanno una storia e livelli decisamente meno ispirati. Semplicemente, sarebbe un vero spreco, un peccato non provare nemmeno a immergersi nel gigantesco mondo online, in cui tutti i giocatori, anche quelli alle prime armi, possono divertirsi per mesi, e non solo per un paio di pomeriggi.

Nota: diversi giocatori riportano l’esistenza di un bug molto fastidioso causato, sembra, dal tipo di modem router per la propria connessione Internet. Il codice dell’errore è “Cabbage” e al momento non esistono soluzioni: mentre giocate, il server vi fa uscire dal gioco e dovete chiudere Destiny e farlo ripartire, riprovando finché non va avanti, rigiocando parti di livello già affrontate.