01 Ottobre 2016 | 09:05

LEGO Dimensions, i mattoncini si trasformano in videogame

Oltre al gioco per la console ci sono anche i personaggi LEGO, veicoli come la Batmobile e persino alcuni edifici che dovrete costruire con i mattoncini di plastica

 di Marco Gamer

LEGO Dimensions, i mattoncini si trasformano in videogame

Oltre al gioco per la console ci sono anche i personaggi LEGO, veicoli come la Batmobile e persino alcuni edifici che dovrete costruire con i mattoncini di plastica

01 Ottobre 2016 | 09:05 di Marco Gamer

I videogame LEGO li conosciamo bene: ci hanno fatto rivivere le avventure di praticamente ogni saga cinematografica da Indiana Jones a Harry Potter, da Star Wars Episodio VII a Jurassic Park. Coloratissimi, divertenti e perfetti per grandi e piccoli gamer, riescono a donare nuova linfa alle avventure che abbiamo visto sul grande schermo, con una vena ironica molto caratteristica.

LEGO Dimensions è un po’ il “videogioco dei videogiochi” dei mattoncini danesi, perché unisce moltissimi “mondi” diversi in un unico gioco: ci sono quelli de Il Signore degli Anelli, Batman, Doctor Who, i Ghostbusters (quelli “originali” e quelle nuove), persino i Simpsons. Il “cattivone” delle Dimensioni LEGO, dove tutti i mondi della fantasia umana creati dalla fantasia umana confluiscono in un oceano di mattoncini, sta raccogliendo degli oggetti particolarmente potenti da ogni ambientazione per dominare l’universo, distruggere tutto, rapire gli amici degli eroi e altre brutte idee del genere. Nei panni degli eroi di ogni “mondo”, dovrete mettergli i bastoni fra le ruote e recuperare amici e manufatti. Il pretesto sembra quasi idiota nella sua semplicità, ma se ci pensate è un po’ quello che succede sul pavimento di ogni bimbo quando gioca con i LEGO: i pezzi di set diversi prima o poi si mischiano, e la sua fantasia gli permette di far combattere Batman contro la Strega Verde dell’Ovest, oppure Superman contro Bart Simpson. Questo videogioco fa lo stesso, e ve lo fa fare proprio con i mattoncini LEGO.

LEGO Dimensions aggiunge la dimensione fisica al videogame (un po’ come succedeva già con Disney Infinity e Skylanders): oltre al gioco nella console e nella TV, ci sono anche i personaggi LEGO, veicoli come la Batmobile e persino alcuni edifici che dovrete costruire con i mattoncini – non quelli simulati, ma proprio quelli di plastica. Nella scatola del videogame troverete un “portale”, una piattaforma che si collega alla console o al PC, su cui posizionerete i vostri eroi LEGO: non appena ci metterete sopra Batman, il Cavaliere Oscuro apparirà anche nel videogioco. Se lo sostituite con Doctor Who, Scooby Doo o il Velociraptor di Jurassic Park, sparirà Batman e apparirà il nuovo personaggio con i suoi poteri speciali.

Cosa c’è nella scatola base? Dentro la confezione base troverete il Blu-Ray del videogioco, la pedana che fa “portale” e tre personaggi LEGO: Batman, Wyldstyle (di LEGO The Movie) e Gandalf. Inoltre, troverete i mattoncini LEGO per costruire il portale e la Batmobile come veicolo (la versione PS4 ha anche come bonus il personaggio di Super Girl). Quando inizierete il gioco, scoprirete come il cattivone ha scombinato gli universi LEGO, a caccia dei preziosi manufatti del potere, e di come ha rapito gli amici più fidati dei nostri eroi. Dovrete quindi prendere il controllo dello strano team composto dal Cavaliere Oscuro, il mago più potente della Terra di Mezzo e la protagonista di LEGO Movie e attraversare i mondi LEGO per riportare pace e serenità.

Nel gioco base (che costa sui 70 euro) troverete una quindicina di livelli ambientati in diversi mondi (dal Mago di Oz ai Simpsons) , che corrispondono a circa 10/15 ore di gioco (anche se 20 se esplorerete tutti i livelli con la massima attenzione). Potrete decidere poi di ingrandire la vostra collezione di LEGO Dimensions acquistando i pack di espansione, che partono da 10 euro e arrivano a 30. I più piccoli aggiungono solo i due o tre personaggi, mentre i set più corposi contengono nuovi mondi da esplorare. Ce ne è per tutti i gusti, da Ritorno al Futuro a Jurassic Park, da Doctor Who a Scooby Doo, passando anche per mondi LEGO come Ninjago o addirittura dei livelli dedicati al videogame Portal 2.

Come praticamente tutti i videogiochi LEGO, Dimensions è piacevolissimo da giocare da soli, ma diventa un vero spasso insieme a vostro figlio, fratellino o nipotino (o figlia, sorellina o nipotina, ovviamente). La difficoltà è molto bassa, potete morire tutte le volte che volete senza praticamente nessun effetto sul gioco e i combattimenti sono scontri tra omini LEGO che quando vengono distrutti semplicemente si smontano – non c’è traccia di violenza “vera” o scene che fanno paura. Gli enigmi sono piuttosto semplici, a volte c’è solo da capire cosa bisogna fare – basta qualche tentativo e si avanti senza problemi. In compenso, LEGO Dimensions è un gioco su misura padre (o madre) – figlio (o figlia), visto che se il ragazzino è poco esperto potrete guidarlo e aiutarlo in ogni situazione, sia quando risolvete gli enigmi sia quando combattete contro i nemici. L’unico reale rischio è farsi “prendere” dalla mania del collezionismo e spendere una cifra degna di Paperon de’ Paperoni per collezionarli tutti!