Home CinemaAttori e AttriciMorta Elsa Martinelli attrice e diva italiana

Morta Elsa Martinelli attrice e diva italiana

Malata da tempo aveva 82 anni. Moderna “Cenerentola” fu lanciata nella moda da Roberto Capucci e nel cinema da Kirk Douglas

Foto: Elsa Martinelli  - Credit: © SplashNews

08 Luglio 2017 | 18:02 di Lorenzo Di Palma

È morta a 82 anni, a Roma nella sua casa sulla Flaminia, la famosa attrice italiana Elsa Martinelli. La notizia è stata passata alle agenzie da persone vicine alla famiglia. Nata nel 1935 a Grosseto, era malata da tempo. Lascia la figlia Cristiana, che insieme ai nipoti e alla famiglia era oggi al suo capezzale. I funerali si terranno a Roma, martedì 11 luglio alle 11 nella chiesa di Santa Maria del Popolo.

Settima di otto figli, veniva da una famiglia modesta - il padre era ferroviere e la madre casalinga - ma aveva una naturale eleganza che, seppur molto diversa dal modello femminile dell’epoca, quella delle «maggiorate», le permise di sfondare prima nella moda e poi nel cinema.

Dopo aver fato vari lavori come la cassiera al bar o infilatrice di perline per aiutare l'economia di famiglia, finì infatti quasi per caso sulle riviste di moda, grazie al sarto Roberto Capucci che la notò in una boutique di Via Frattina a Roma e subito la volle come mannequin per le sue sfilate e le aprì il mondo del jet set fino al matrimonio aristocratico nel 1957 quando sposò il conte Franco Mancinelli Scotti di San Vito, padre della sua unica figlia.

Entrò poi per scommessa nel mondo del cinema: la prima apparizione è del 1953 in Se vincessi cento milioni di Carlo Campogalliani, seguito da L'uomo e il diavolo di Autant-Lara da Stendhal nel 1954.

Fu poi Kirk Douglas a ?scoprirla? e portarla nelle grandi produzioni, dopo averla vista sulle pagine della rivista Life, chiamandola accanto a se sul set de Il cacciatore di indiani di André de Toth del 1955. Fu l'inizio di una carriera che la portò a lavorare con tutti i grandi del cinema, non solo in Italia, da Orson Welles a Mario Monicelli, da Roger Vadim ad Alberto Lattuada.

Fu amata da John Wayne e Frank Sinatra, ma lasciò Hollywood per tornare in Italia - nel 1956 ad appena 21 anni - per recitare con Mario Monicelli da protagonista in Donatella, che le fruttò il premio come migliore al festival di Berlino.

Tra le sue interpretazioni ricordiamo anche La risaia di Matarazzo, La notte brava di Mauro Bolognini, Un amore a Roma di Dino Risi, Il sangue e la rosa di Roger Vadim, Il processo di Orson Welles, Il grande safari di Henry Hathaway, La decima vittima di Elio Petri con di Marcello Mastroianni e L'amica di Alberto Lattuada.