Home CinemaAttori e AttriciNicholas Hoult: “Non è mai solo chi si accetta con serenità”

Nicholas Hoult: “Non è mai solo chi si accetta con serenità”

Al Giffoni Film Festival il giovane attore che interpreta Hank McCoy ("Bestia") in X-Men. Nella sua agenda il sequel di "Mad Max Fury Road" e un film su Salinger

Foto: Nicholas Hoult in Young Ones  - Credit: © Mondadori Portfolio

22 Luglio 2016 | 18:57 di Antonella Silvestri

Ragazzi accorsi da tutta Italia per vederlo, ascoltarlo e rivolgergli qualche domanda. Nicholas Hoult, il giovane attore che ha conquistato il pubblico con il personaggio di Hank McCoy, alias "Bestia" in "X-Men: L'inizio" di Matthew Vaughn (2011) e nei sequel di Brian Singer "X-Men - Giorni di un futuro passato" (2014) e "X-Men: Apocalisse" (2016), non ha deluso le aspettative di nessuno.

Gentile e paziente, si è concesso ai fan regalando la sua dolcezza e simpatia. Houlte si è intenerito davanti alla richiesta di una ragazza che desiderava avere in regalo la bottiglietta da cui aveva bevuto e l'ha subito accontentata andandole incontro e abbracciandola.

Parlando della sua interpretazione in "X-Men" e alla domanda di come si possano superare certi disagi quando ci si sente inadeguati, Hoult ha risposto: «Tutti si possono identificare con il sentimento di non appartenere e sentirsi diversi e soli. L'unico modo di essere felici è di accettarsi ed essere sincero con te stesso. Anche nel mio film "Equals" il messaggio fondamentale è accettare chi si è veramente».

In una platea di giovanissimi non poteva mancare la domanda sull'uso dei cellulari. E il protagonista di "X-Men" ha detto subito la sua: «La tecnologia rende la vita più facile. Io, però, faccio parte dell'ultima generazione che non è vissuto con il cellulare in mano sin da bambino. Questo mi rende felice perché la mia immaginazione si sviluppata molto. Oggi passiamo più tempo a guardare nello schermo di un cellulare che le persone negli occhi».

Oltre a parlare di cinema, Hoult, dopo essere stato sollecitato a parlare della Brexit, ha dichiarato: «Ci sono rimasto piuttosto male, non me l'aspettavo. A me piace essere europeo. La paura sta dividendo le persone e il mondo sta diventando più piccolo. Anche per questo è bellissimo stare qui (al Giffoni, ndr). A me piace l'idea di essere europeo. È un vero peccato. Chissà però che le cose non si sistemino da sole».

Un'agenda molto fitta

L'attore ha rivolto apprezzamenti a Kristen Stewart in "Equals" definendola «incredibile, dedicata, intelligente e molto impegnata nel suo lavoro. Una bella persona». E si è rivelato un grande estimatore di Charlize Theron: «Una donna forte e fantasiosa, dal gran senso dell'umorismo».

Houlte sarà anche nel sequel di "Mad Max Fury Road", mentre uscirà a settembre nelle sale italiane l'action thriller "Collide", scritto e diretto da Eran Creevy, in cui Houlte è Casey Stein, un ex giovane criminale che torna al suo passato oscuro pur di rimediare i soldi necessari a salvare l'amata Juliette (Felicity Jones). Sulla sua strada Ben Kingsley nei panni di un contrabbandiere ed Anthony Hopkins nel ruolo del boss che lo braccherà.

Attualmente è impegnato nelle riprese di "Rebel in the Rye" di Danny Strong, al fianco di Kevin Spacey: il film racconta la vita di Salinger, incentrandosi sulla nascita del capolavoro letterario "Il giovane Holden".