Home CinemaBruce Willis, 60 anni tra azione e commedia

Bruce Willis, 60 anni tra azione e commedia

Il suo vero nome, il passato da investigatore privato e tutto quello che non sapete sull'attore americano in occasione del suo compleanno

Foto: Bruce Willis  - Credit: © Getty Images

19 Marzo 2015 | 8:00 di Marianna Ninni

Bruce Willis compie 60 anni, essendo nato il 19 marzo del 1955 in Germania, come pochi sanno. Protagonista di numerosi film d'azione, l’attore americano nel corso della sua carriera è stato premiato con due Emmy e un Golden Globe. Lanciato dalla serie televisiva Moonlighting, il passo da tv a cinema è stato breve e non ci ha messo molto a travolgere il pubblico con la sua simpatia e con la sua forza carismatica.

Protagonista indiscusso di celebri film come Die Hard, Il Sesto Senso e Armaggedon, Bruce Willis è riuscito a trasformare il classico eroe da film d’azione in un personaggio che associa alla prestanza fisica quel pizzico di humor che non guasta mai.

La carriera di Bruce Willis è disseminata di tante piccole curiosità, eccone alcune:

- Il suo vero nome è Walter Bruce Willison
- L’attore è nato a Idar-Oberstein, in Germania, da madre tedesca e padre americano. L’attore si è trasferito negli Stati Uniti solo dopo aver compiuto i due anni
- Nonostante il suo straordinario talento, fin da bambino soffre a causa di un problema di balbuzie. A fargli superare tutto è proprio la recitazione. L'attore lo scopre per caso, durante una recita scolastica. Non appena solcato il palco, il problema sparisce per poi ripresentarsi al termine dell'esibizione. Sara stato un primo segno del destino?
- Durante il periodo scolastico è stato un abile wrestler, ma un problema alla spalla destra lo ha costretto a smettere
- Prima di diventare attore, Bruce Willis ha lavorato sia come guardia di sicurezza, sia come investigatore privato
- Il primo ruolo cinematografico importante è arrivato nel 1987 grazie al film di Blake Edwards, Appuntamento al buio, dove recita accanto a Kim Basinger e John Larroquette. Ma il primo film risale in realtà al 1980 e si intitola Delitti inutili
- Nel 1985 Bruce Willis ha sposato l’attrice Demi Moore. Dall’unione sono nati tre bambini. I due hanno divorziato nel 2000 senza mai spiegare le reali motivazioni della fine della loro storia
- Willis ha accettato il ruolo di John McClane in Die Hard dopo il rifiuto di Sylvester Stallone e Arnold Schwarzenegger. Il film fu un inaspettato successo su cui nessuno avrebbe mai scommesso. Difficile oggi immaginare Die Hard con un attore diverso
- Nonostante il successo, Die Hard causò anche qualche problema personale a Bruce Willis. Fu a causa di una scena del film, quella in cui Willis riesce a liberarsi di uno dei cattivi sparando da sotto il tavolo, che l’attore perse due terzi dell’udito dall’orecchio destro
- Bruce Willis ha prestato la sua voce a uno dei bambini protagonisti di Senti chi parla e Senti chi parla 2
- Ha rifiutato il ruolo maschile di Ghost perché poco convinto della parte. Il ruolo fu successivamente assegnato a Patrick Swayze che recitò accanto a Demi Moore in un film di grande successo
- Insieme a Demi Moore, Arnold Schwarzenegger e Sylvester Stallone è il cofondatore di una catena di ristoranti a tema che si chiama Planet Hollywood
- Nel 1996 è stato produttore esecutivo del cartone Bruno the kid con protagonista un personaggio che è una rappresentazione di se stesso realizzata attraverso la computer graphic
- Nel 2003 ha rifiutato il ruolo di Terry Benedict in Ocean’s Eleven. La parte fu assegnata ad Al Pacino
- Sono diversi i titoli dei suoi film che contengono numeri: L’esercito delle 12 scimmie, Four rooms, Il Quinto elemento, Il sesto senso
- Bruce Willis è apparso in una puntata di Friends nei panni di uno dei fidanzati di Rachel. La comparsata gli valse la vittoria di un Emmy
- I suoi modelli cinematografici sono Gary Cooper, Robert De Niro, Steve McQueen e John Wayne
- Bruce Willis ebbe un discreto successo anche come musicista. Il suo album “The return of Bruno” fu una vera sorpresa, soprattutto per via del singolo Respect Yourself