Home CinemaCannes 72: tracce d’Italia al festival

Cannes 72: tracce d’Italia al festival

Dal cartoon di Mattotti alle citazioni di Tarantino fino a... Giampiero Galeazzi!

Foto: Una scena di “La famosa invasione degli orsi in Sicilia”

22 Maggio 2019 | 15:42 di Paolo Fiorelli

In attesa dell'unico titolo italiano tra i 21 in concorso per la Palma d'oro (“Il traditore” di Marco Bellocchio con Pierfrancesco Favino, che sfileranno sul tappeto rosso domani) bisogna prendere atto che il'Italia è già molto presente nel programma del festival. E spesso in modi inaspettati.

Per esempio con gli omaggi di Quentin Tarantino, che nel suo “C'era una volta... a Hollywood” spedisce il protagonista a recitare per “il secondo miglior regista italiano, Sergio Corbucci" (il primo è ovviamente, agli occhi del collega americano, Sergio Leone; come Tarantino stesso ha confermato alla stampa). Il regista di “Pulp Fiction” e “Le iene” è arrivato addirittura a inventarsi le locandine dei finti-film girati da Rick Dalton in Italia, con titoli improbabili come “Operazione Dyn-o-mite” o “Uccidimi subito Ringo, disse il gringo”.

Un ritratto inedito dell'Italia vista con occhi stranieri arriva anche da “Diego Maradona”, dove il documentarista inglese Asif Kapadia (già vincitore di un Oscar per ”Amy”) si concentra sugli anni napoletani del campione e sul suo rapporto di (tanto) amore e (poco) odio con la città. E per farlo fa man bassa di filmati televisivi dell'epoca, tanto che uno dei protagonisti del film diventa... Giampiero Galeazzi, di cui vengono mostrate diverse interviste al Pibe de Oro.

Meno sorprendenti, ma numerose, le apparizioni dei nostri attori in diverse produzioni straniere: da Monica Bellucci, che in “Les plus belles années d'une vie" di Claude Lelouch interpreta la figlia del protagonista, a Valeria Golino, che in “Portrait de la jeune fille en feu” di Céline Sciamma è invece la madre.

Intanto hanno ottenuto ottime recensioni “The staggering girl”, il mediometraggio di Luca Guadagnino con Julianne Moore e Alba Rohrwacher, ambientato nel mondo della moda, e “La famosa invasione degli orsi in Sicilia”, il raffinato e divertente cartoon che Lorenzo Mattotti ha tratto dal romanzo a fumetti di Dino Buzzati, e che partecipa al concorso nella sezione “Un certain régard”.

Da segnalare anche gli omaggi a a Bertolucci (con il documentario “Bernardo Bertolucci: no end travelling" di Mario Sesti), Magnani (”La passione di Anna Magnani" di Enrico Cerasuolo) e Lina Wertmüller, di cui proprio oggi viene proiettato “Pasqualino Settebellezze“ nella sezione “Classici di Cannes”.