Home CinemaFilm in uscita“Bene ma non benissimo”, una storia di bullismo a lieto fine

“Bene ma non benissimo”, una storia di bullismo a lieto fine

Arriva al cinema il 4 aprile il film che vede Francesco Mandelli per la prima volta nel ruolo di regista. Protagonista la giovanissima Francesca Giordano, con il piccolo Yan Shevchenko nel ruolo del coprotagonista

Foto: Francesca Giordano è la protagonista di "Bene ma non benissimo"

27 Marzo 2019 | 09:05 di Redazione Sorrisi

"Bene ma non benissimo" è il primo film da regista di Francesco Mandelli e arriva al cinema il 4 aprile e racconta una storia di bullismo a lieto fine tra i banchi di scuola e vede protagonista la giovanissima Francesca Giordano (gia vista nella serie "La mafia uccide solo d’estate") e il piccolo Yan Shevchenko nel ruolo del coprotagonista. Con loro Rosario Terranova (nel ruolo di Salvo Morvillo, il papà della protagonista Candida), Euridice Axen, Gioele Dix, Maria Di Biase e il rapper Shade nel ruolo di se stesso e ispiratore del titolo del film con la sua canzone omonima del 2017.

Trailer

Trama

Candida è un’adolescente paffutella e orfana di madre, che vive con il padre Salvo in un piccolo paese del sud. Ama ballare al ritmo delle canzoni di Shade, un famoso rapper di cui è innamorata. Costretta a trasferirsi a Torino con il padre, Candida dovrà affrontare la sfida di una nuova vita. Ma Torino si rivela più dura del previsto, specie quando viene chiamata alla prova più difficile: l’integrazione in una nuova scuola a metà dell’anno scolastico tanto da diventare lo zimbello dei suoi nuovi compagni. Candida stringe però amicizia con Jacopo un ragazzino introverso e bullizzato dalla classe cui solo lei riesce a strappare il sorriso. Da semplici compagni di banco diventano ben presto amici inseparabili. Torino si trasforma agli occhi di Candida in una città a suo modo magica e da scoprire con il suo nuovo amico. Il padre di Jacopo, un facoltoso imprenditore, non vede di buon occhio la loro amicizia fin quando non sarà costretto a ricredersi.