Lady Gaga: «“House of Gucci” è un sogno che si avvera»

Arriva finalmente nei cinema l'attesissimo film di Ridley Scott

16 Dicembre 2021 alle 10:54

Arriva finalmente nei cinema l'attesissimo “House of Gucci”, il film di Ridley Scott dove Lady Gaga interpreta Patrizia Reggiani, protagonista di uno dei più clamorosi casi di cronaca degli Anni 90 (fece uccidere il marito Maurizio Gucci). Ma passiamo la parola alla cantante e attrice, che è venuta in Italia a presentarlo: «Girare un film nel Paese dei miei antenati è stato come vedere realizzarsi un sogno. E mi ha aiutato a capire più profondamente le mie origini e la cultura da cui provengo».

Il ruolo che porta sullo schermo, però, non è certo positivo... «Per me questo è soprattutto il ritratto di una donna che non cercava i soldi, ma una vita migliore. Per lei essere parte della famiglia Gucci significava entrare in un mondo superiore; e quando Maurizio l’ha allontanata, questo mondo le è crollato addosso. Trasformandola in una assassina».

Per costruire meglio il personaggio, Lady Gaga si è trasformata «in una giornalista di’inchiesta. Ho chiesto a parenti e amici che cosa trovasse Maurizio in Patrizia e loro hanno risposto: la forza». Non ha però voluto incontrare la vera Patrizia Reggiani: «Sarebbe stato molto difficile per me, non mi sentivo pronta. Penso che sia una donna che ha fatto un terribile errore».

Ha sorpreso molti la sua scelta di non interpretare nemmeno un brano della colonna sonora. Lady Gaga la spiega così: «Non volevo che le mie canzoni distraessero gli spettatori dal personaggio. Volevo che rimanessero concentrati sull'interpretazione».

Per raccontare questa storia che unisce i brividi del thriller al fascino dell’alta moda, il regista Ridley Scott ha circondato Lady Gaga con un cast di eccezione: ci sono Adam Driver (è Maurizio), Jeremy Irons (il padre Rodolfo), Al Pacino (lo zio Aldo) e Jared Leto (il cugino Paolo). Completano l’effetto-nostalgia gli ambienti iconici: dal quadrilatero della moda di Milano a via Condotti a Roma, dal lago di Como alla Val d’Aosta.

Seguici