Home CinemaFilm in uscitaQuanti Grinch conoscete?

Quanti Grinch conoscete?

Grazie ai creatori dei Minions, torna in sala il più scontroso degli eroi del Natale, con la voce di Alessandro Gassmann, al cinema dal 29 novembre

Foto: «Il Grinch»  - Credit: © 2018 Universal Pictures

27 Novembre 2018 | 15:45 di Luca Fontò

Dal 29 novembre tornerà sui nostri schermi lo scontroso, misantropo e allegramente vendicativo Grinch: il protagonista – suo malgrado – di una delle più note e amate fiabe a rima baciata sul Natale. Creato dalla matita (e dal genio) dello scrittore e fumettista statunitense Theodor Seuss Geisel, meglio conosciuto con lo pseudonimo Dr. Seuss, «Il Grinch» riprende vita al cinema grazie alla Illumination, la casa di produzione dei celeberrimi Minions, di «Cattivissimo me», «Pets – Vita da animali» e «Sing», che nel 2012 aveva già trasposto “su pellicola” un altro classico dell’autore di Springfield, «Lorax – Il guardiano della foresta».

Con la voce di Alessandro Gassman, il Grinch vive (ovviamente da solo, se si esclude il cane Max) sul monte che affaccia sulla città di Chistaqua, popolata dagli allegri e indaffarati Chi, alle prese coi preparativi per la più calda festa d’inverno – festa che il nostro anti-eroe non sopporta e che decide di rubare travestito alla bene e meglio da Babbo Natale, proprio nella notte in cui Santa Claus dovrebbe fare capolino. La sete di dispetti, scopriremo, nasce dal fatto che il suo cuore è di due taglie più piccolo rispetto al dovuto e che, da bambino, fu costretto a trascorrere le festività da solo.

Ma non è certo la prima volta che il verde scorbutico spunta sul grande schermo: ricordiamo tutti la mole di trucco sotto cui era nascoso Jim Carrey quasi vent’anni fa e il brano ormai classico «You’re a mean one, Mr. Grinch», scritto da Dr. Seuss stesso e musicato da Albert Hague, contenuto nell’album vincitore del Grammy 1968. Immancabile, la canzone è riproposta per l’occasione anche in questo nuovo lungometraggio animato, interpretata da Tyler, the Creator che ha composto per il film anche un nuovo brano originale: «I am the Grinch».

Ma mentre altri grandi classici del Dr. Seuss diventavano lungometraggi animati e di finzione, da «Il gatto… e il cappello matto» a «Ortone e il mondo dei Chi», quante volte i nostri televisori, le nostre librerie e i palcoscenici di tutto il mondo hanno ospitato le marachelle del Grinch? Sicuramente molte di più di quante credevate.