Home CinemaFilm in uscita«Un Natale al Sud»: la trama del film con Massimo Boldi

«Un Natale al Sud»: la trama del film con Massimo Boldi

Al cinema dall'1 dicembre il nuovo cinepanettone dell'anno con protagonisti Massimo Boldi, Biagio Izzo e Anna Tatangelo

Foto: Massimo Boldi e Biagio Izzo in «Un Natale al Sud»  - Credit: © Medusa Film

15 Novembre 2016 | 11:00 di Marianna Ninni

Manca ormai poco a Natale ed è già tempo di cinepanettoni. La stagione cinematografica che ci accompagna fino alle feste natalizie si arricchisce di film scanzonati e ironici che hanno per protagonisti i volti iconici e rappresentativi della tipica commedia natalizia italiana

Il 1 dicembre arriva al cinema Un Natale al Sud, film con Massimo Boldi, Biagio Izzo, Anna Tatangelo e un grupo di giovani youtuber che si sono fatti conoscere per la loro capacità di attrarre il pubblico giovanile attraverso canzoni e parodie. Tra questi ci sono Giulia Penna, Simone Paciello e Riccardo Dose

Per arrivare preparati alla visione del film, ecco la trama ufficiale

La trama di Un Natale al Sud

Foto: Una scena del film - Credit: © Medusa film

Peppino, un carabiniere milanese, e Ambrogio, un fioraio napoletano, insieme alle amate mogli Bianca e Celeste, festeggiano il Natale nella stessa località turistica. È durante queste feste che le coppie di genitori scoprono che i rispettivi figli, Riccardo e Simone, sono fidanzati con due coetanee: Giulia e Ludovica. Tutto molto bello se non fosse che i quattro innamorati … non si sono mai incontrati dal vivo!

Decisi a mettere fine a questa pratica di “amore virtuale”, che proprio non riescono a capire, Peppino e Ambrogio riescono a far partecipare i ragazzi all’evento annuale di ritrovo degli utenti di “Cupido 2.0” l’app per incontri che ha visto sbocciare l’amore tra i giovani. Ma per far funzionare il piano dovranno partecipare anche i genitori!

L’evento si rivela però una bolgia infernale dove tra utenti ex virtuali a caccia di amori reali, una fashion blogger infatuata e un web influencer complessato, le due coppie perdono la bussola mettendo in crisi i loro matrimoni e le storie dei figli.

Ma siamo così sicuri che le storie d’amore di una volta fossero più vere di quelle 2.0 di oggi?