Home CinemaFilm in uscita«Wonder Woman», perché vedere il film con Gal Gadot

«Wonder Woman», perché vedere il film con Gal Gadot

Uno spettacolo per per gli appassionati di supereroi e cinecomic: le scene di battaglia e i combattimenti sono esplosivi e giustificano il prezzo del biglietto

Foto: Gal Gadot è Wonder Woman  - Credit: © Warner Bros.

01 Giugno 2017 | 15:15 di Paolo Paglianti

Thor, Captain America, Batman, Spider-Man: con pochissime eccezioni (tra cui svetta la conturbante Vedova Nera interpretata da Scarlett Johansson) i supereroi, al cinema, sono quasi tutti di sesso maschile. A raccontare l’altra metà del cielo di mutanti e superpoteri arriva Wonder Woman (interpretata da Gal Gadot), già protagonista di una fortunata serie TV negli anni ’70. Quasi invulnerabile nonostante una corazza ai minimi termini che lascia davvero poco spazio all’immaginazione, è l’eroina di DC Comics già apparsa in Batman V Superman. Ora torna con un film tutto suo che racconta l’origine del suo mito.

La trama (senza spoiler)

Su un’isola nascosta da una impenetrabile nebbia vivono le Amazzoni, guardiane da tempo immemore della pace e strenue nemiche della guerra e di Ares, il dio greco che spinge gli uomini a combattere senza quartiere. A interrompere l’idillio di addestramenti millenari arriva un pilota di caccia inseguito da mezza flotta tedesca: si tratta di Steve Trevor, spia americana al servizio di Sua Maestà britannica, che ha scoperto un malvagio piano teutonico per far vincere la Grande Guerra alle già demoralizzate truppe del Kaiser. Wonder Woman non si fa certo sfuggire l’occasione per lasciare il rifugio fatato della Amazzoni e andare a menare le mani dove serve davvero, sulla linea del fronte franco-tedesco per cercare e “punire” il generale che sta creando un gas tossico ancora più terribile di quelli che ricorda la Storia. Ma deve stare attenta, perché Ares potrebbe metterci lo zampino…

Il cast

L’avete vista in tre diversi Fast & Furious e anche nel recente Criminal, al fianco di Kevin Costner e Tommy Lee Jones: è Gal Gadot, già Miss Israele, a prestare il volto e il corpo alla “nuova” Wonder Woman. Meno prosperosa rispetto a Lynda Carter, l’interprete della serie TV degli anni ’70, è perfettamente a suo agio nella parte della divina super-eroina che ferma i proiettili con gli avambracci corazzati e affronta i soldati tedeschi con spada, scudo e un magico “lazo” che costringe la vittima a dire sempre la verità.

La spia americana è Chris Pine, il Capitano Kirk del reboot di Star Trek ad opera di J. J. Abrams, anche lui piuttosto convincente nell’uniforme dell’ufficiale americano che vuole fermare il massacro degli innocenti nonostante la miopia dei vertici militari. Nel film vedrete anche Robin Wright (la First Lady di House of Cards), Collie Nielsen (The Good Wife, Il Gladiatore) e David Thewlis (Harry Potter, Il Grande Lebowski).

Il Trailer

Perché andare a vederlo

Le due ore di Wonder Woman sono uno spettacolo per gli appassionati di supereroi e cinecomic: benché durante la prima mezz'ora sull'isola delle Amazzoni il ritmo del film sia un po' troppo rilassato e privo di mordente, le scene di battaglia e i combattimenti successivi sono esplosivi e giustificano il prezzo del biglietto. Perdoniamo quindi facilmente qualche piccolo cortocircuito nella trama, come quando Wonder Woman in abito da sera si presenta a una festa piena di generali tedeschi e nessuno sembra trovare bizzarro che il suo spadone spunti ?nascosto? dietro le spalle.

Come da tradizione DC Comics (gli altri ?suoi? supereroi sono Batman e Superman) il clima è più cupo rispetto alle produzioni Marvel (Guardiani della Galassia, Iron Man e Captain America), ma in Wonder Woman c'è spazio anche per qualche battuta divertente e sopra le righe, come quando l'assistente di Steve la porta a fare shopping nella Londra della Grande Guerra.

Immancabile la sequenza finale di combattimenti, duelli e scontri divini che conclude il film, anche se un po' sottotono rispetto ai cinecomic del concorrente Disney/Marvel; finale magari appesantito dal tentativo un po' maldestro di filosofeggiare sul ruolo del supereroe ?femminile?.

Un plauso speciale lo merita tutto la colonna sonora, che riesce a dare il giusto ritmo soprattutto durante i duelli e i combattimenti. Oltretutto, Wonder Woman e Gal Gadot ritorneranno a fine anno con Justice League, che racconterà la ?lega? degli eroi DC Comics che comprende Batman, Flash e Aquaman.