Home CinemaFinalmente si torna al cinema grazie a “Tenet”

Finalmente si torna al cinema grazie a “Tenet”

L’intricato thriller diretto da Christopher Nolan ha riportato gli italiani in sala. Ma con nuove regole

Foto: Robert Pattinson e John David Washington in "Tenet"

01 Settembre 2020 | 09:21 di Redazione Sorrisi

In tempi come questi in cui gli assembramenti sono vietati e i luoghi chiusi fanno paura, le sale cinematografiche non sono più il luogo dove rilassarsi tutti insieme a fine giornata. Ma diciamoci la verità: i film si possono vedere a casa, però il cinema ci manca tanto, anche se dopo mesi di chiusura abbiamo un po’ perso l’abitudine.

Ci voleva un film come “Tenet” per farci tornare nelle sale. Diretto da Christopher Nolan (regista di “Inception”), con una trama intricata (che non vi sveliamo!) e sequenze spettacolari, il film con John David Washington (figlio di Denzel) e Robert Pattinson era molto atteso e ha superato le aspettative: nei primi sei giorni in Italia è stato visto da 312.363 spettatori con un incasso di 2.257.687 euro in circa 800 sale. Sono numeri incoraggianti, se si calcola che le sale riaperte sono solo due terzi del totale e che ogni sala, per il distanziamento, può contenere una frazione degli spettatori rispetto alla normalità.

Ma si può andare al cinema sentendoci sicuri? Una cosa è certa: è meglio non “improvvisare”. La prenotazione, che è sempre consigliata, “occupa” anche alcuni posti vuoti per garantire il giusto distanziamento (alcuni cinema “liberano” un posto per lato, altri addirittura due). Si può andare al cinema con i congiunti: prenotare due o tre posti vicini equivale a una “autocertificazione”. Non si può accedere alla sala senza la mascherina, che non si può mai togliere (ma alcune sale concedono l’acquisto e il consumo di cibo e bevande durante la proiezione). Gli ambienti vengono regolarmente sanificati e, come ogni esercizio commerciale, anche i cinema sono dotati di colonnine igienizzanti. Come ripetono gli esperti il “rischio zero” non esiste, ma con le giuste cautele (e un po’ di coraggio) possiamo tornare al cinema...