Home CinemaIn edicola con Sorrisi «L’era glaciale 3», il cartoon dei record

28 Dicembre 2009 | 07:55

In edicola con Sorrisi «L’era glaciale 3», il cartoon dei record

Se c'è un dominatore della stagione cinematografica 2009, questi è uno solo: «L'era glaciale 3 - L'alba dei dinosauri». Nel corso dell'anno il film ha infatti sfiorato i 30 milioni di euro d'incassi in Italia. Per festeggiare un simile record, Sorrisi esce nelle edicole con il dvd del film e due peluche di cui uno, quello di Sid, in esclusiva per i nostri lettori. Un'occasione per portare a casa (al prezzo complessivo di 16,90 euro) un'avventura che ha conquistato grandi e piccoli, critica e pubblico...

 di

In edicola con Sorrisi «L’era glaciale 3», il cartoon dei record

Se c'è un dominatore della stagione cinematografica 2009, questi è uno solo: «L'era glaciale 3 - L'alba dei dinosauri». Nel corso dell'anno il film ha infatti sfiorato i 30 milioni di euro d'incassi in Italia. Per festeggiare un simile record, Sorrisi esce nelle edicole con il dvd del film e due peluche di cui uno, quello di Sid, in esclusiva per i nostri lettori. Un'occasione per portare a casa (al prezzo complessivo di 16,90 euro) un'avventura che ha conquistato grandi e piccoli, critica e pubblico...

28 Dicembre 2009 | 07:55 di Redazione

eraglaciale

Se c’è un dominatore della stagione cinematografica 2009, questi è uno solo: «L’era glaciale 3 – L’alba dei dinosauri». Nel corso dell’anno il film ha infatti sfiorato i 30 milioni di euro d’incassi in Italia. Per festeggiare un simile record, Sorrisi esce nelle edicole con il dvd del film e due peluche di cui uno, quello di Sid, in esclusiva per i nostri lettori. Un’occasione per portare a casa (al prezzo complessivo di 16,90 euro) un’avventura che ha conquistato grandi e piccoli, critica e pubblico.

Le ragioni? Forse chi le ha individuate meglio di ogni altro è il regista Carlos Sadanha, che spiega: «Anche se è ambientato nella preistoria, “L’era glaciale 3” è… un film moderno. Al centro della storia c’è una famiglia allargata e potenzialmente disfunzionale, quella formata da un bradipo, Did, una tigre, Diego, e un mammut, Manny. Nel secondo capitolo lo strano gruppo si allarga con l’aggiunta di una mammutta e di un paio di opossum. E nel terzo sono arrivati addirittura.. dei cuccioli di dinosauro! Senza dimenticare l’eroica donnola Buck, naturalmente. Il messaggio è che non importa quanto si è diversi. Quando ci si vuole bene e ci si aiuta a vicenda, si trova sempre il modo di convivere in pace».

Il terzo capitolo della saga è anche quello che ha posto ai realizzatori le sfide tecniche maggiori. «Tanto per cominciare, il 3D. Ci siamo resi conto che non se ne poteva fare più a meno e ci siamo gettati nell’impresa. Volevamo dare al pubblico la sensazione di poter toccare i personaggi, accarezzare il pelo di Sid e Scrat…». Ma gli ostacoli non finivano qui. «Fin dal primo film» spiega il regista «i personaggi sono stati ideati e disegnati per risaltare in un ambiente dominato dal bianco dei ghiacci. Ma con il terzo capitolo la musica cambia: l’azione si svolge in gran parte in un rutilante mondo sotterraneo pieno di colori e con una vegetazione selvaggia, che ricorda l’equatore. Abbiamo dovuto fare i salti mortali per mantenere l’effetto grafico. Però il bello dell’idea del mondo sotterraneo è che ci permette di rendere plausibile la presenza dei dinosauri. Perché, quando la Terra era ricoperta dai ghiacci, i dinosauri mica c’erano!».