Home CinemaLa lezione di Luca Argentero: «Non seguite il mio esempio»

01 Aprile 2009 | 23:27

La lezione di Luca Argentero: «Non seguite il mio esempio»

Pur essendo ormai un attore affermato, l'ex concorrente del Grande Fratello 3, protagonista del film «Diverso da chi?», non ha perso modestia e lucidità. Lo ha dimostrato oggi, incontrando gli allievi del liceo classico Manzoni di Milano per una lezione organizzata dalla Fondazione Cinema per Roma in collaborazione con il mensile Ciak. «Non fate come me» ha risposto a chi gli chiedeva un consiglio per sfondare nel cinema. «Io ho avuto una serie di botte di fortuna allucinanti»...

 di Antonio Mustara

La lezione di Luca Argentero: «Non seguite il mio esempio»

Pur essendo ormai un attore affermato, l'ex concorrente del Grande Fratello 3, protagonista del film «Diverso da chi?», non ha perso modestia e lucidità. Lo ha dimostrato oggi, incontrando gli allievi del liceo classico Manzoni di Milano per una lezione organizzata dalla Fondazione Cinema per Roma in collaborazione con il mensile Ciak. «Non fate come me» ha risposto a chi gli chiedeva un consiglio per sfondare nel cinema. «Io ho avuto una serie di botte di fortuna allucinanti»...

01 Aprile 2009 | 23:27 di Antonio Mustara

Sfoglia la gallery di Luca Argentero
Sfoglia la gallery di Luca Argentero

Pur essendo ormai un attore affermato, Luca Argentero, protagonista del film «Diverso da chi?» (in dieci giorni ha incassato 2 milioni e mezzo di euro), non ha perso modestia e lucidità. Lo ha dimostrato oggi, incontrando gli allievi del liceo classico Manzoni di Milano per una lezione organizzata dalla Fondazione Cinema per Roma in collaborazione con il mensile Ciak.

«Non prendetemi a esempio» ha risposto a chi gli chiedeva un consiglio per sfondare nel cinema. «Io ho avuto una serie di botte di fortuna allucinanti, ma non faccio testo e il mio percorso non è quello giusto». Insomma, sembra voler dire l’ex concorrente del Grande Fratello 3, non basta partecipare a un reality per diventare attore. «Non ho mai fatto teatro, sono fuori dai limiti di età per iscrivermi a qualche accademia» ha aggiunto. «Posso solo affidarmi a dei bravi insegnanti».

Argentero, che si è presentato con la testa rasata, ha ricordato con piacere l’esperienza in tv («Mi sono divertito come un bambino»), rivelando di aver rifiutato «le proposte automatiche di apparire in televisione, per seguire l’obiettivo preciso del cinema». In questi giorni sta girando «Oggi sposi» di Luca Lucini, il regista di «Tre metri sopra il cielo» con cui aveva già lavorato in «Solo un padre»: «Sarà un film divertente e trovo giusto  far passare temi importanti attraverso la commedia perché hanno più possibilità di arrivare alla gente».

Secondo Argentero, oggi il cinema italiano «è ricchissimo di potenziale, con una nuova generazione di attori e registi davvero prolifica». La vera difficoltà «è portare la gente al cinema perché si tratta di un sistema estremamente democratico: un film ha successo e fa incassi se le persone vanno a vederlo».