Home CinemaLe curiosità di una settimana al Festival di Venezia

Le curiosità di una settimana al Festival di Venezia

Al festival di Venezia abbiamo ammirato dive elegantissime. Ma c’era molto di più: ecco alcune curiosità di cui sono stato testimone quest’anno

Foto: Un innocente selfie-ricordo alla fine di un’intervista a Timothée Chalamet ha scatenato sui Social odio e promesse di vendetta dalle mie colleghe, che scrivono: “Colpo basso!“, “Inaccettabile“, “Sono nera“... Solo perché Tim è l’astro in ascesa di Hollywood e ha milioni di spasimanti tra le giovanissime. Ma per loro c’è una brutta notizia: lui è già impegnato con Lily-Rose Depp, incontrata sul set di «The King». I due sono la nuova coppia d’oro del cinema

13 Settembre 2019 | 17:16 di Paolo Fiorelli

Al festival di Venezia abbiamo ammirato dive elegantissime. Ma c’era molto di più: ecco alcune curiosità di cui sono stato testimone quest’anno.

Frasi da ricordare
Tra tutte quelle che abbiamo ascoltato nelle conferenze stampa ne scegliamo tre. Jude Law: «La cosa più difficile nel fare il papa è che il personaggio è molto più intelligente di me».John Malkovich: «Più che un’icona, mi sento lo scemo del villaggio».
Brad Pitt: «Il mondo ci chiede di nascondere le nostre debolezze, ma quando le ho guardate in faccia ho migliorato il rapporto con i familiari e con me stesso».

L’importante è esagerare
Il valore del cineasta si misura di fronte ai film estremi. Esagitati o glaciali, l’importante è esagerare. Se in “Ema” del cileno Pablo Larraín la protagonista gira con un lanciafiamme per incendiare Valparaiso (e non parliamo dei suoi furori erotici), in «Sull’infinito» dello svedese Roy Andersson i personaggi a malapena si muovono e parlano, in una serie di scene che sembrano quasi più dipinti che cinema. Spettatori basiti all’uscita da entrambe le sale.

Eccesso di sicurezza?
E fuori li aspetta sempre la polizia, che è dappertutto per assicurare la nostra sicurezza. Con qualche inconveniente, tipo dover aprire lo zaino 20 volte per i controlli. Per non parlare dei grandi cinefili “annusati” dall’unità cinofila.

Troppo vestito
Pausa per il pranzo. Per sfuggire alle tragiche file dei self-service della Mostra (e agli ancor più tragici prezzi dei ristoranti vicini) ho scovato una mensa per i turisti in spiaggia. Il problema è essere vestiti di tutto punto in mezzo a gente in costume che mi guarda come si guarda un nudista in Piazza San Marco.

Ho visto cose...
Altre scene da ricordare: l’agghiacciante risata di Joaquin Phoenix in “Joker”; i vigili che tagliano in fretta e furia due alberi distrutti dal maltempo poche ore prima dell’inaugurazione; i fan col telefonino alzato per filmare i divi coprendo la visuale a chiunque stia dietro.

La conversione di Paolo
Chi mi ha sorpreso di più, comunque, è Paolo Sorrentino. Sarà che a Venezia presentava la serie tv “The New Pope”, ma il regista va controcorrente. Altro che “crisi dei cinema”: «Amo la sala, ma sono troppo giovane per averne nostalgia. Non è insostituibile, quel che conta davvero è la distanza dalle immagini. Stare a due metri da una tv da 50 pollici permette di gustare i dettagli come quando stai a 20 metri dal grande schermo. E poi sento ripetere che i film sono un rito collettivo e vanno guardati insieme. Sicuri? Io invece consiglio di vederli da soli, rapiti dalla storia, senza il vicino che ti distrae con i suoi commenti o mangiando popcorn!». Sì, ma poi ai festival chi ci va più?