Home CinemaMigliori Film“Stand by Me” compie 30 anni, tra omaggi e nostalgia

“Stand by Me” compie 30 anni, tra omaggi e nostalgia

Il capolavoro di Rob Reiner, citatissimo in "Stanger Things" di Netflix, ha incantato tre generazioni di spettatori

Foto: Stand By Me  - Credit: © Official Facebook Page Stand by Me

07 Agosto 2016 | 10:48 di Angelo De Marinis

Per i Baby-boomers è un inno nostalgico al crescere negli anni Cinquanta. Per i nati nella “Generazione X” rappresenta il ricordo di chi ha imparato ad amare il cinema negli anni Ottanta. Per un bambino di oggi, è ancora una magica avventura. “Stand by Me” compie trent'anni. Il film diretto da Rob Reiner, tratto dal racconto dell'orrore “The Body” di Stephen King, usciva nelle sale americane l'8 agosto 1986.

Una commedia nera, ma soprattutto un racconto di formazione, che continua a incantare e commuovere tre generazioni di spettatori. Non è un caso se la nuova serie di Netflix Stranger Things”, vero e proprio ritorno agli anni Ottanta, è piena di citazioni e rimandi a “Stand by Me”.

Un film reso ancor più indimenticabile da un cast composto da giovani promesse, poi diventate protagoniste della Hollywood degli anni Novanta e Duemila. Tra gli altri, Wil Wheaton, Corey Feldman, Kiefer Sutherland, Richard Dreyfuss, John Cusack. Ma soprattuto River Phoenix, ragazzo prodigio scomparso giovanissimo e mai dimenticato dai fan. Rivederli trent'anni dopo nei boschi e lungo la ferrovia della cittadina di Castle Rock è ancora qualcosa di speciale.