Home CinemaMigliori FilmVenezia 75: il Leone d’Oro e tutti i premiati alla Mostra del Cinema

Venezia 75: il Leone d’Oro e tutti i premiati alla Mostra del Cinema

Il miglior film è “Roma” del messicano Alfonso Cuarón. Tra gli attori premiati Willem Dafoe e Olivia Colman

Foto: Alfonso Cuarón vincitore del Leone d'Oro con il film "Roma"  - Credit: © Getty

08 Settembre 2018 | 20:16 di Lorenzo Di Palma

Si chiude il sipario su Venezia 75. Tra le 21 opere in corsa, il Leone d'oro per il miglior film della 75ª Mostra dell’Arte Cinematografica è stato vinto dal regista messicano Alfonso Cuarón con «Roma». Prodotto da Netflix, il film era uno dei favoriti e nei ringraziamenti finali della pellicola c’è anche Guillermo del Toro, il presidente della Giuria.

Il Gran Premio della Giuria è andato al greco Yorgos Lanthimos, regista de «La favorita (The Favourite)», mentre il Leone d’Argento per la miglior regia l'ha vinto il francese Jacques Audiard per «The Sisters Brothers».

Coppa Volpi per il miglior attore a Willem Dafoe per il suo Van Gogh in «At Eternity’s Gate» di Julian Schnabel; mentre tra le interpreti femminili è stata premiata Olivia Colman per «La favorita (The Favourite)». Per entrambi il rigraziamento finale è in italiano.

La migliore sceneggiatura è quella di «The Ballad of Buster Scruggs», di Joel ed Ethan Coen. Il Riconoscimento speciale della Giuria è stato assegnato a «The Nightingale» di Jennifer Kent, l’unica regista in concorso. Film in cui recita anche il vincitore del Premio Marcello Mastroianni per il giovane attore o attrice emergente, andato a Baykali Ganambarr.

I premi Orizzonti per le nuove tendenze sono stati assegnati a «Kraben Rahu/Manta Ray» del regista thailandese Phuttiphong Aroonpheng, premiato come miglior film; a «Kado (Un regalo)» dell’indonesiano Aditya Ahmad (cortometraggio); «Jinpa» del tibetano Pema Tseden (sceneggiatura); Kais Nashif per «Tel Aviv On Fire» (interpretazione maschile); Natalya Kudryashova per «Tchelovek Kotoris Udivil Vseh/The Man Who Surprised Everyone» (interpretazione femminile); Mahmut Fazil Coskun per «Anons/The Announcement» (premio speciale) e il premio al miglior regista al kazako Emir Baigazin per «Ozen/The River».

Premio Leone del Futuro - Luigi De Laurentis per la migliore opera prima è andato a «The Day I Lost My Shadow», il film di Soudade Kaadan che racconta l’orrore e l'assurdità della guerra in Siria, ma con “dignità” come ha detto la giovane regista.

«Venezia Classici», il premio al miglior documentario sul cinema, va a «The Great Buster: A Celebration» di Peter Bogdanovich dedicato a Buster Keaton. Il premio al miglior film restaurato va invece ai fratelli Taviani (La notte di San Lorenzo).