Home CinemaNews e anteprimeDebutto alla regia di Donato Carrisi

Debutto alla regia di Donato Carrisi

Donato Carrisi, l’autore italiano di thriller più venduto al mondo, pubblicato in 24 paesi, con oltre 1 milione di copie solo in Italia edite da Longanesi, prepara il debutto alla regia.

Foto: Donato Carrisi  - Credit: © Mondadori Portfolio

07 Maggio 2017 | 22:40 di Angelo De Marinis

Febbraio, una notte di nebbia, uno strano incidente stradale su una strada deserta di montagna. L'uomo alla guida viaggiava da solo. È incolume. Ma i suoi abiti sono sporchi di sangue... è il plot dell'esordio alla regia di Donato Carrisi, lo scrittore best seller. Le riprese sono arrivate all'ultimo ciak per La ragazza nella nebbia, tratto da un suo romanzo. Carrisi ne firma anche la sceneggiatura, è l'autore italiano di thriller più venduto al mondo, pubblicato in 24 paesi. In Italia ha venduto oltre 1 milione di copie, il suo primo romanzo, Il Suggeritore, è rimasto in classifica per oltre 30 settimane, vincendo numerosi premi tra cui il premio Bancarella.

Prodotto da Maurizio Totti e Alessandro Usai per Colorado Film in collaborazione con Medusa, che ne sarà anche distributore, La Ragazza nella nebbia vede nel cast Toni Servillo, Alessio Boni, Lorenzo Richelmy, Jean Reno e molti altri. La storia ai suoi lettori è nota, protagonista è Vogel - Servillo - fino a poco tempo prima era un poliziotto famoso, una specie di eroe, di quelli che finiscono spesso in tv. Il suo racconto ha inizio sessantadue giorni prima. A due giorni da Natale, nel piccolo paese alpino di Avechot scompare una ragazza di sedici anni e Vogel se ne dovrà occupare, lavorerà in un modo molto particolare.

Per Carrisi, non è un triplo salto mortale: ''sono nato sul set come sceneggiatore e producer, conosco la macchina, è come tornare a casa, sul luogo del primo delitto! Io scrivo per immagini, i complimenti che mi arrivano sono che leggere un mio libro è come guardare un film''. Le riprese si sono svolte per sette settimane tra Carezza e Nova Levante, Caldaro, Merano, Magrè, Sarentino e Bolzano, gran parte della Val D'ega.

"Abbiamo dato vita alla nostra collaborazione con Donato Carrisi - raccontano i produttori di Colorado Film, Maurizio Totti e Alessandro Usai - proprio a Cannes, durante il Festival. Abbiamo voluto puntare sul thriller, su una storia piena di colpi di scena e mistero. Un romanzo - continuano Totti e Usai - che è già stato divorato da centinaia di migliaia lettori. In fondo il nostro lavoro è portare le emozioni al cinema. Questa volta - concludono - investiremo sulla paura".