Home CinemaNews e anteprimeGiffoni 2016: l’inaugurazione con Mastandrea, Baby K e la dedica alla Francia

Giffoni 2016: l’inaugurazione con Mastandrea, Baby K e la dedica alla Francia

Valerio Mastandrea e la cantante di Roma-Bangkok inaugurano la 46esima edizione del Giffoni Film Festival

Foto: Valerio Mastandrea al Giffoni Film Festival  - Credit: © SplashNews

16 Luglio 2016 | 16:45 di Lorenzo Di Palma

È toccato a Valerio Mastandrea, attore affezionato alla manifestazione, inaugurare la 46esima edizione del Giffoni Film Festival, la famosa rassegna cinematografica dedicata ai film per ragazzi. Ma quella che doveva essere una giornata di festa, è stata naturalmente turbata dall'ennesima tragedia, quella di Nizza, che ha sconvolto il mondo.

E così l'edizione 2016 di Giffoni Experience si è aperta con uno spontaneo omaggio alla Francia con un tricolore blu, bianco e rosso portato in parata, tra mani alzate e silenzio assoluto. Un gruppo di ragazzi ha esposto il vessillo, circondato delle migliaia di persone intorno (tra i 4.150 giovani giurati della kermesse e il pubblico) e accompagnato da un cadenzato applauso. Seguito dall'abbraccio ai piccoli giurati francesi.

Mentre Valerio Mastrandrea, reduce dal successo di ?Perfetti sconosciuti?, non si è sottratto alle domande sulla tragica attualità: ?Rischiamo di assuefarci alle notizie quando apprendiamo dai social della morte di 700 persone in mare l'altro giorno e della strage di Nizza?, ha detto l'attore romano. ?Purtroppo sono fatti che accadono in ogni momento: a Baghdad ci sono centinaia di morti ogni 4 giorni. Cerco di non fermarmi all'odio che una simile notizia può portare, non si può vincere una guerra con un'altra guerra. C'è bisogno di integrazione, inclusione sociale?. 

Il tema scelto dal festival quest'anno è le ?Destinazioni?, intese sia come il viaggio immaginario che i bambini fanno quando guardano i film a loro dedicati sia come quello che intraprendono ogni giorno milioni di migranti per trovare un posto migliore in cui vivere. Tema di cui ha parlato, l'altro ospite della giornata, Alessandro Borghi, attore noto al grande pubblico per aver interpretato ?Suburra? e ?Non essere cattivo?: ?Il tema di questa edizione del Festival mi tocca da vicino, visto che della ?destinazione? ho fatto il mio obiettivo negli ultimi anni?, ha detto l'attore ai ragazzi. ?Dopo lunghi periodi di sacrifici e rinunce, ho capito che la mia vera meta è la possibilità concreta di proseguire in questo magnifico lavoro. Ne sono così appassionato che lo consiglierei a tutti i ragazzi che in questi giorni saranno presenti al Festival?. Infine ha chiesto ai piccoli giurati ?un giudizio critico sui ruoli che mi hanno visto protagonista? perché ?i giovani sanno essere sempre la migliore lente con cui guardare il mondo?.

Infine, ?da Roma a Bangkok, passando per Londra? dopo essere nata a Singapore, è arrivata al Festival Claudia Nahum, in arte Baby K. Che ha festeggiato l'ennesimo record di ?Roma-Bangkok? - la sua hit con la partecipazione di Giusy Ferreri - che ha raggiunto l'ottavo Disco di platino, ma che è al festival in veste di doppiatrice, visto che ha prestato la sua voce a uno dei personaggi di ?Alla ricerca di Dory?, il film della Disney-Pixar presentato in anteprima: ?Il mio è un piccolo cameo, ho dato la voce a Debby la ricercatrice, una delle poche umane in un mondo di animali, ma mi è piaciuto molto usare la mia voce in un modo diverso, molto speciale?. Inoltre, Baby K. ha spiegato che visto che la sua vita ?è un continuo viaggio?, di essere molto legata al personaggio di Dory, più di quanto ?si possa pensare, perché lei è in un costante viaggio alla ricerca di qualcosa, senza limiti. Io ho viaggiato molto, cambiato molte case: il concetto di essere alla continua ricerca della strada di casa mi è molto vicino".